Rebic, l’uomo in cerca di collocazione: a Pioli il compito di risolvere il rebus dell’attaccante

17.10.2019 14:00 di Salvatore Trovato   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Rebic, l’uomo in cerca di collocazione: a Pioli il compito di risolvere il rebus dell’attaccante

Il Milan riparte dal 4-3-3. Classico, senza esperimenti né scelte cervellotiche. Perché Pioli è un allenatore pratico, concreto, di quelli che bada al sodo, all’essenziale. Il nuovo tecnico rossonero schiererà i giocatori nella loro posizione naturale, senza adattamenti di sorta. Ma c’è un rebus da risolvere, come evidenzia Tuttosport. Un rebus di nome Rebic.

POCO SPAZIO - Rafael Leao ha dimostrato di poter e saper fare la differenza da esterno di sinistra nel tridente offensivo. Con Suso confermato sul versante opposto, l’uomo in cerca di una collocazione è proprio il croato, il quale potrebbe agire su entrambe le fasce. Finora, però, l’ex Eintracht ha più che altro guardato i compagni giocare. Poche presenze, nessuna dall’inizio, appena 64 minuti complessivi in campo: decisamente poco per un attaccante abituato a un minutaggio ben diverso.

POSSIBILE CHANCE - Con Pioli alla guida della squadra, Rebic - accantonato da Giampaolo - potrebbe iniziare una nuova fase di rilancio. Chissà, magari già a partire dalla prossima sfida. Ante potrebbe trovare spazio contro il Lecce, ma in quel caso bisognerebbe spedire in panchina uno tra Leao (difficile) e Piatek. A meno che non sia Suso a lasciargli il posto. Un rebus, dicevamo, che il nuovo tecnico milanista dovrà provare a risolvere.