Repubblica - Gazidis all’Uefa: lo scontro non conviene. E il Milan vuole spendere anche a gennaio

12.01.2019 09:49 di Salvatore Trovato  articolo letto 56244 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Repubblica - Gazidis all’Uefa: lo scontro non conviene. E il Milan vuole spendere anche a gennaio

Nella giornata di ieri è andato in scena l’ennesimo round dell’infinito incontro - senza esclusioni di colpi - tra Milan e UEFA. Come riporta il quotidiano La Repubblica, il fondo Elliott è intenzionato a scardinare le sanzioni che sono state inflitte al club per le violazioni al Fair Play Finanziario, anche a costo di trascinare la stessa UEFA nelle aule di giustizia (non solo sportiva, ma anche in sede civile).

MISSIONE - Ma prima che la palla passi agli avvocati, la società milanista ha affidato al nuovo amministratore delegato Ivan Gazidis una missione diplomatica: convincere i vertici di Nyon che lo scontro non conviene a nessuno. È questo il senso della riunione avvenuta ieri in Svizzera, nel corso della quale le parti hanno chiarito i rispettivi punti di vista. Il Milan ritiene che, per un club che ha voglia di investire e ingaggiare campioni per tornare - in breve tempo - al top, sia impossibile da raggiungere il pareggio di bilancio nel giro di due anni.

ACCORDO SUL 2017/2018 - Gazidis ha pure fatto capire che il Milan intende muoversi con forza anche sul mercato di gennaio, ma prima di farlo vuole avere garanzie precise dalla UEFA. Quello che può essere possibile, invece, è raggiungere un accordo per evitare sanzioni relative al bilancio 2017-18, chiuso con un pesante passivo di 126 milioni e non preso ancora in considerazione da Nyon.