Una squadra potenzialmente senza over 30: a giugno il Milan potrebbe diventare giovanissimo, forse troppo

31.03.2020 18:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Una squadra potenzialmente senza over 30: a giugno il Milan potrebbe diventare giovanissimo, forse troppo

Zlatan Ibrahimovic, Lucas Biglia, Asmir Begovic, Simon Kjaer e Giacomo Bonaventura. Questi cinque giocatori rossoneri hanno una doppia similitidine: sono gli unici over 30 della rosa milanista e tutti quanti andranno a scadenza il prossimo 30 giugno (in attesa di capire se questa sarà l'effettiva scadenza dei contratti in caso di ripresa del campionato). Potenzialmente il Milan potrebbe quindi ritrovarsi senza alcun calciatore ultratrentenne in rosa, con Reina che, rientrato dal prestito all'Aston Villa, potrebbe comunque salutare (ha un contratto in scadenza nel 2021).

LINEA VERDE - Se nessuno dei sopracitati restasse in rossonero, il club meneghino si ritroverebbe con una rosa cortissima e soprattutto giovane, forse troppo. L'età media attuale è infatti di 25,83 anni, senza i cinque over 30 scenderebbe a 24,21. A gennaio, con gli arrivi di Ibrahimovic e Kjaer, il Milan è visibilmente migliorato in termini di personalità, il che ha dimostrato ulteriormente, se ce ne fosse ancora il bisogno, che con la sola "linea verde" non si può competere. Discorso diverso se si ideasse un progetto a lungo termine improntato sui giovani, ma in quel caso bisognerebbe anche dare continuità alla guida tecnica, altrimenti si renderebbe vano qualsiasi sforzo per far crescere i calciatori nel medio periodo.

NUOVA ESPERIENZA CERCARSI - E' evidente che il primo giocatore da trattenere sarebbe proprio Ibrahimovic, ma nel suo caso il Milan avrà (ed avrebbe) una relativa voce in capitolo, in quanto lo stesso calciatore sembra intenzionato a lasciare il club a prescindere. Tra gli altri quello che potrebbe avere più chance è Kjaer, complice un riscatto esiguo ed uno stipendio tutt'altro che imponente, ma anche qui la conferma è tutt'altro che scontata. In ogni caso, se la società rossonera vorrà mantenere vive, almeno sulla carta, le ambizioni future, dovrà comunque ingaggiare giocatori con una certa esperienza per guidare il prossimo corso. Senza soldi, e la prossima estate non mancheranno soltanto al Milan, ci si può tuffare o sui giovanissimi acerbi o su calciatori più o meno in là con gli anni: considerando che i primi sono giù presenti in gran numero, forse è arrivato il momento di seguire la seconda strada.