Milan, una delle firme più importanti. Qualcuno deve cambiare rotta. Le analisi e i campanelli d’allarme

10.01.2023 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    vedi letture
Milan, una delle firme più importanti. Qualcuno deve cambiare rotta. Le analisi e i campanelli d’allarme
MilanNews.it

Un piccolo campanello d’allarme era già suonato a Salerno, quando nel finale di gara il Milan aveva incassato un gol dopo una partita totalmente dominata. Contro la Roma il calo d’attenzione nel finale ha prodotto un 2-2 a dir poco beffardo per i rossoneri. Due punti gettati dalla finestra, e tanta delusione tra squadra e tifosi dopo aver condotto il match per 86 minuti. Punti ed errori che potrebbero costare caro a fine stagione, ma che ora vanno analizzati nel modo migliore.

Questa squadra purtroppo non può prescindere dai suoi titolarissimi, perché con nove giocatori fuori per infortunio (ed è un problema serio), dalla panchina non arrivano indicazioni positive. C’è un netto divario tra la formazione titolare campione d’Italia e il resto. Ieri per 80 minuti è stato il Milan dei titolari (tranne Tatarusanu per Maignan) e la squadra ha segnato due gol e gestito magistralmente il match, poi appena ci sono stati dei cambi e una modifica dell’assetto difensivo, qualcosa è andato storto. Con un baricentro più basso e senza alcun riferimento in avanti, vedi l’uscita di scena di Giroud, giocatore fondamentale sui palloni aerei, la Roma ha pareggiato sfruttando la sua arma migliore: i calci da fermo.

Un vero peccato. Il Milan avrebbe meritato molto di più, ma è anche onesto e giusto dire che fino ad ora il mercato estivo non ha portato nulla. Tra giovani da aspettare e qualche delusione, al momento non ci sono stati miglioramenti evidenti rispetto alla squadra dell’anno scorso. L’auspicio di Pioli, Maldini e Massara e che qualcuno possa emergere nella seconda parte di campionato per invertire la rotta.

In queste ore arriverà una delle firme più importanti dell’ultimo periodo. Perché se Rafael Leao è il fuoriclasse dell’attacco e merita tutte le attenzioni del caso da parte del club, Ismael Bennacer è il campione del centrocampo rossonero e il suo prolungamento è altrettanto fondamentale. Rispetto all’anno scorso l’algerino è salito ancora di più di livello, ormai il valore del giocatore è schizzato alle stelle e per il Milan trattenerlo è stata una vittoria. Bennacer ha deciso di accettare la proposta del Milan da 4 milioni di euro più bonus e legarsi ai colori rossoneri dopo mesi di trattative. Le contrattazioni vanno avanti da oltre un anno ma solamente di recente, con il cambio di procuratore, c’è stata una vera svolta. Bennacer ha sempre dato priorità al rinnovo e alla fine hanno raggiunto una quadra sull’ingaggio. Il prolungamento fino al 2027 dà vita ad una seconda fase della carriera di Bennacer con il Milan, in quanto non è più il giovane arrivato dall’Empoli da aspettare, ora è uno dei leader del centrocampo, insieme a Tonali. E il Milan con lui vuole vincere in Italia e in Europa. Resta all’interno del contratto la clausola risolutoria da 50 milioni di euro che però è valida solamente a luglio, ed è attiva dall’estate del 2024.