ESCLUSIVA MN - Stepanovic: “L'Eintracht voleva tenere Rebic, ma lui voleva il Milan. Deve far vedere le sue qualità anche in Champions"

05.07.2022 14:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
Fonte: Intervista di Alessandro Schiavone
ESCLUSIVA MN - Stepanovic: “L'Eintracht voleva tenere Rebic, ma lui voleva il Milan. Deve far vedere le sue qualità anche in Champions"
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Dragoslav Stepanovic, ex giocatore dell’Eintracht Francorte, con cui ha raggiunto anche due terzi posti in Bundesliga da allenatore nel 1992 e 1993, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di MilanNews.it per parlare in modo particolare di Ante Rebic. Ecco le sue parole: 

Dragoslav, cosa ci può dire di Ante Rebic? 

“Guardi, Rebic è stato in prestito in quattro squadre diverse ma solo all’Eintracht è riuscito a far vedere le sue migliori qualità. Strano che fu mandato in prestito quattro volte e tutte le squadre abbiano deciso di non riscattarlo o sbaglio? Ai tempi dei Francoforte, la squadra giocò benissimo e questo aiutò molto Ante. Poi il club voleva tenerlo ma il suo obiettivo era quello di andare a Milano…”.

Il Milan farebbe bene a puntarci sopra ancora?

"Io penso che se Ante continua a non trovare spazio al Milan potrebbe chiedere la cessione per andare a giocare di più. Ma di sicuro non tornerà al Eintracht. Non credo che il club voglia spendere soldi per riprenderselo…".

Con Zlatan Ibrahimovic accanto, Rebic è sempre stato devastante...

"Ibra puo giocare con tutti, è il giocatore più geniale che conosco e che ho visto giocare.  E’ pazzesco che a 40 anni abbia vinto il campionato con il Milan e io sono convinto che senza infortuni continuerà a giocare fino a 50 anni. Detto questo, Rebic purtroppo ha buttato via i migliori anni della sua carriera prima del passaggio al Francoforte (nel 2016 n.d.r). Se avesse giocato a quei livelli prima di andare al Francoforte avrebbe fatto un altro tipo di carriera. Non voglio dire che sia pigro ma lui ha sempre avuto bisogno di persone che lo spronano e motivano per rendere al meglio. Ora ad Ante dico che è giunta l’ora di far finalmente vedere le sue qualità anche in Champions League. Non so se giocherebbe in un club come il Bayern Monaco".