Maldini a Sky: "La priorità è il difensore centrale. Con Tonali ci sentiamo tranquilli a centrocampo"

21.09.2020 20:28 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Maldini a Sky: "La priorità è il difensore centrale. Con Tonali ci sentiamo tranquilli a centrocampo"

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Paolo Maldini ha parlato del Milan e delle ultime sul mercato. Queste le sue parole:

Sulla stagione rossonera e sugli obiettivi.

“Da dirigente, come nella vita c’è sempre da imparare. L’obiettivo è di migliorare sempre. Da tanti anni i proclami a inizio campionato parlano di Champions League ma è da 7 anni che non ci qualifichiamo. Nella scorsa stagione è stato creato qualcosa di positivo ed è continuato in questa stagione con le conferme della dirigenza di Pioli. I frutti si devono vedere. In questa stagione non ci è stato chiesto di qualificarci alla Champions League ma di riuscire ad andarci vicino e provarci. Non ci poniamo limiti"

Sule coerenze di scelta nel mercato rossonero.

“Avevamo delle priorità e siamo riusciti a metterle a posto. Abbiamo un’idea su come costruire la squadra in sintonia con la proprietà. Il mercato non è più fatto per prendere i migliori giocatori sul mercato ma in coerenza con il bilancio e le esigenze finanziarie.”

Sul difensore.

“Speriamo di avere ancora due turni preliminari di Europa League e se dovessimo qualificarci avremo una stagione molto intensa. Sicuramente tra le priorità vi è il difensore anche perchè abbiamo due dei cinque centrali disposizione out per infortunio e Duarte che è rientrato dopo 7 mesi di inattività. A centrocampo con Tonali siamo più che tranquilli."

Sui nomi che circolano.

“In tutta sincerità Milenkovic e Ajer non sono tra i nomi su cui stiamo lavorando adesso. Fanno parte dell’elenco ma ci sono anche altri profili."

Sulla crescita da dirigente.

“Sento questa responsabilità per il mio passato e per il legame che lega la mia famiglia al club. Questo ruolo va fatto con responsabilità ed è molto cambiato negli anni da quando ho cominciato o da quando era seduto sul divano di casa a guardare le partite. Bisogna aggiornarsi e valutare nuovi giocatori e spero di continuare a crescere"