acmilan - Da Louis ad Alexis

03.07.2020 23:48 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: App Ufficiale AC Milan
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
acmilan - Da Louis ad Alexis

Sono pochi i giocatori belgi del Milan, nella Storia rossonera. Ma di peso. Prima di Alexis Saelemaekers, riscattato dal club rossonero e messo sotto contratto fino al 2024, dobbiamo risalire a molti anni prima per individuare il grande precursore dei giocatori belgi in maglia rossonera. 

Louis Van Hege, bomber del Milan dal 1910 al 1917, ha più segnato che... giocato: 98 gol in 91 partite ufficiali disputate. Il balzo in avanti, prima di Alexis, ci porta negli anni Ottanta, quando Eric Gerets, nazionale belga che avrebbe poi vinto la coppa dei Campioni con il PSV Eindhoven, aveva indossato anche la fascia di capitano del Milan nella stagione 1983-84. Da questi esempi illustri arriviamo ad oggi, con il brillante Saelemaekers visto contro Roma e SPAL.

Il Milan ha avuto, nel corso degli anni, in organico un luminare belga della chiropratica, Jean Pierre Meersseman. Ma le notizie rossonere riguardanti il Belgio non si fermano alla sua figura professionale. Importanti operazioni al ginocchio di Ruud Gullit e alla caviglia di Marco van Basten, erano state eseguite in Belgio dal professor Marc Martens. 

Nell'estate del 2003, poi, da segnalare, il passaggio allo Standard Liegi di Mohamed Aliyu Datti, mossa di mercato che ha reso possibile, liberando uno slot nella casella regolamentare dei giocatori extracomunitari, l'arrivo a Milanello di un certo Ricardo Kaká. Molti anni prima, a inizio anni Ottanta, il club rossonero aveva trattato, senza riuscire a finalizzare l'acquisto, la stella della Nazionale belga dell'epoca, Jan Ceulemans.