Proseguire il campionato o concluderlo? Questa la posizione dei 20 club di Serie A

31.03.2020 17:45 di Pietro Andrigo   Vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Proseguire il campionato o concluderlo? Questa la posizione dei 20 club di Serie A

In un focus proposto dalla redazione di Tuttomercatoweb.com sono state raccolte le posizione dei 20 club di Serie A riguardo la possibilità di proseguire o concludere il campionato. Alcune società, tramite propri tesserati o dirigenti, si sono espressi in prima persona mentre altre non si sono esposte. Queste le posizioni:

ATALANTA - Non si espone
- La Dea è quarta in campionato e ai quarti di finale di Champions League, quindi una fine anticipata della stagione non sarebbe certo un problema dal punto di vista sportivo, né da quello economico. In questo momento comunque la società non si è sbilanciata, anche se giova ricordare l'appello fatto dagli ultras per la fine delle ostilità. 

BOLOGNA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La posizione del club felsineo è molto chiara ed è stata nuovamente esplicitata dal dirigente rossoblù Marco Di Vaio proprio oggi: "La nostra preferenza va al ritorno in campo, se le condizioni di sicurezza lo permetteranno, magari anche ricominciando a giugno. Sarebbe bello dare alle persone la possibilità di dare un po' di svago guardando la squadra che tifano". 

BRESCIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Altrettanto chiara è l'idea del patron delle Rondinelle Massimo Cellino, che ieri ha ribadito: "La chiusura del calcio è indispensabile. Abbiamo forse bisogno che ce lo dica il Ministro? Dico solo questo: la stagione è andata, speriamo di riuscire a giocare la prossima, sarebbe già una bella cosa". 

CAGLIARI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Non ci sono dichiarazioni ufficiali, ma la posizione del club sardo è allineata a quelle di Brescia e Bologna: c'è voglia di riprendere a giocare, ovviamente solo e quanto l'emergenza sanitaria sarà finita. A maggior ragione perché Walter Zenga non ha ancora avuto la possibilità di esordire dopo l'allontanamento di Maran. 

FIORENTINA - Non si espone
- La società viola ha scelto di aspettare le decisioni del Governo, senza prendere una vera posizione sull'eventuale ripresa del campionato. Ieri tuttavia il patron Commisso ha espresso pessimismo circa questa ipotesi, specificando che prima di pensare solo ad allenarsi servirà superare la crisi sanitaria. 

GENOA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Recentemente il patron Preziosi ha specificato che il Grifone sarebbe disponibile a tornare in campo nel caso in cui ci fossero le condizioni, esprimendo tuttavia grossi dubbi su questa ipotesi. 

HELLAS VERONA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- "Noi siamo per la ripresa del campionato. Ci piacerebbe giocare e la politica non ci interessa". Ancora una volta, una posizione molto chiara e definita: l'Hellas Verona, qualora ce ne fosse la possibilità, sarebbe per il ritorno in campo. 

INTER - Non si espone
- Ufficialmente la società nerazzurra non ha indicato una preferenza. I dirigenti intanto valutano la possibilità del taglio degli stipendi della rosa. Per quanto riguarda la ripresa l'idea è non andare allo scontro, aspettare e valutare sulla base di tempi e formula per chiudere la stagione.

JUVENTUS - Non si espone
- La Juve non prende una posizione netta al momento. Sin dall'inizio la posizione del club è stata che la salute pubblica è la priorità assoluta. Si segue con attenzione l'evolversi dell'emergenza e ci si attiene alle indicazioni governative. Va visto in questa ottica anche l'accordo con i giocatori: prevede la necessaria elasticità nel riconoscimento degli stipendi. 

LAZIO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Senza se e senza ma, la Lazio giocarsi tutte le possibilità di vincere uno storico Scudetto e lo ribadisce ogni settimana attraverso i propri dirigenti. Le parole di Tare, pronunciate solo ieri, solo l'esempio perfetto: "Il campionato deve andare avanti, sarebbe ingiusto interrompere la stagione"

LECCE -  Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Dal punto di vista sportivo la posizione del club giallorosso è facilmente capibile: al terzultimo posto, i salentini vogliono almeno la possibilità di giocarsi lo scontro diretto con il Genoa (all'andata fu 2-2). "Non penso alla classifica, ma è ovvio che il Lecce non possa andare in B. Ci manca uno scontro diretto con il Genoa", ha detto il presidente Sticchi Damiani. 

MILAN - Non si espone
- Al settimo posto in classifica (con una gara in più rispetto a Hellas e Parma però) e in semifinale di Coppa Italia, i rossoneri sarebbe quasi certamente in Europa League se la stagione finisse. In ogni caso il club rossonero non ha preso una posizione ben definita riguardo il ritorno in campo la fine anticipata dell'annata. 

NAPOLI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- In piena rimonta in classifica, gli azzurri hanno indicato in ogni confronto della Lega Serie A la propria intenzione di ritornare a giocare il prima possibile. Tuttavia, non c'è una vera e propria comunicazione ufficiale circa la preferenza del club. 

PARMA - Non si espone
- Il club gialloblù, consapevole della difficile situazione sanitaria presente nella propria zona, non ha ancora una posizione circa il possibile ritorno in campo. In questo momento è stata data priorità assoluta alla solidarietà e alla lotta al virus. 

ROMA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La Roma è tra i club che vuole riprendere a giocare una volta che l'emergenza sarà alle spalle: c'è ancora una Champions in ballo, oltre ad un percorso in Europa League che vede i giallorossi come una delle potenziali favorite per il successo finale. Non c'è comunque una dichiarazione ufficiale circa le intenzioni del club. 

SAMPDORIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Il patron Ferrero in una recente intervista ha manifestato grossi dubbi sulla possibilità effettiva di tornare in campo in situazioni di assoluta sicurezza. 

SASSUOLO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Pur non essendosi sbilanciata su una posizione piuttosto che su un'altra, oggi la preferenza del club emiliano sarebbe riprendere a giocare, purché ci siano condizioni uguali per tutti. "A me piacerebbe che il campionato potesse finire dopo il 30 giugno, dobbiamo pensare che il calcio, che è un fenomeno speciale, deve pensare all'aspetto spettacolo", le ultime parole al riguardo di Carnevali. 

SPAL - Non si espone
- Nessuna preferenza esplicitata da parte della SPAL, che attende di capire quando e come l'emergenza finirà. Da Ferrara non trapela null'altro al momento. 

TORINO - Chiudere la stagione anticipatamente
- Cairo è stato il più chiaro possibile nelle recenti dichiarazioni: la stagione 2019-20, se spostata in estate, rischia di rovinare anche quella seguente. Toro totalmente pro chiusura quindi: "Giocare a luglio sarebbe accanimento, rischiamo di compromettere non una ma due stagioni". 

UDINESE - Non si espone
- Nel taglio degli stipendi l'Udinese non avrebbbe un gran risparmio, quindi dal punto di vista economico sarebbe più conveniente giocare e assicurarsi la propria fetta di diritti tv. Riguardo l'ipotesi di tornare in campo comunque i bianconeri non hanno fornito nessun tipo di comunicazione, né ufficiosa né ufficiale.