Bennacer, no ai giudizi affrettati: l'algerino è tornato sui suoi livelli

24.09.2021 18:00 di Pietro Andrigo Twitter:    vedi letture
Bennacer, no ai giudizi affrettati: l'algerino è tornato sui suoi livelli
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

L'inizio di stagione rossonero, positivo e travolgente, ha visto l'emergere di nuovi protagonisti nella rosa di Pioli: Sandro Tonali e Rafael Leao, in questo senso, sono apparsi tra i calciatori maggiormente migliorati in estate e le prestazioni dei due lo hanno confermato. Al tempo stesso, nell'analisi delle partite di altri calciatori del Milan, alcuni titolari della scorsa stagione non avevano fornito le stesse prestazioni viste in occasioni passate ma, come preventivabile, era solamente questione di tempo. di quest'ultima categoria fa parte Ismael Bennacer che, dopo alcune uscite anonime, ha trovato la sua solita brillantezza tattica e le sue doti da regista ampiamente dimostrate sia nello spezzone con la Juventus che nella partita con il Venezia.

VISIONE UNICA - Nonostante la grandissima crescita di Tonali nel ruolo di mente del centrocampo rossonero, la visione di gioco di Bennacer rappresenta un unicum nella rosa di Pioli. L'algerino, infatti, non dispone solamente di una qualità tecnica incontestabile ma soprattuto di grandi doti da regista come dimostra l'invenzione per Theo Hernandez nel gol di Brahim con il Venezia. Il pallone servito al francese, perfetto e a scavalcare la difesa, sottolinea l'abilità del numero 4 rossonero che con quella giocata ha sbloccato una partita difficile e insidiosa. In una stagione colma di match simili, la qualità di Bennacer sarà fondamentale per il Milan e il suo sistema di gioco.

ROTAZIONI - Il centrocampo rossonero, dopo una scorsa stagione falcidiato dagli infortuni, può ora contare su giocatori forti, affidabili e potenzialmente tutti titolari. Nelle normali rotazioni che Pioli opererà nel corso di questa annata calcistica, Bennacer rappresenterà una pedina fondamentale e capace di sposarsi con gli altri compagni di reparto: se con Kessie e Bakayoko l'algerino sarà la mente e il centro nevralgico del gioco rossonero, in coppia con Tonali si dividerà i compiti di regia e interdizione garantendo anche una forte spinta offensiva con le sua avanzate palla al piede. Il Milan e Pioli hanno e avranno bisogno del miglior Bennacer che, in una stagione importante, è pronto a tornare a grandi livelli.