Caldara, un’estate per convincere Pioli e la società

12.07.2021 20:00 di Nicholas Reitano  Twitter:    vedi letture
Caldara, un’estate per convincere Pioli e la società
MilanNews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Un mese o poco più. È il tempo a disposizione di Mattia Caldara per poter convincere il tecnico rossonero, Stefano Pioli, a trattenerlo in quel di Milanello per la prossima stagione. Una situazione difficile quella dell'ex Atalanta, soprattutto dal punto di vista economico. Pagato quasi 37 milioni di euro tre estati fa dalla Juventus, il classe '94 pesa ancora oggi circa 15 milioni sul bilancio del club di via Aldo Rossi.  Che fare, dunque? Le soluzioni, per la dirigenza milanista, sono ovviamente due.

PERMANENZA - Non è da escludere così facilmente. E le quote potrebbero alzarsi in seguito a delle prestazioni di livello durante la preparazione estiva, sia durante gli allenamenti che durante le amichevoli. Caldara, in caso di permanenza, potrebbe essere il sesto difensore centrale a disposizione di mister Stefano Pioli, con Tomori, Kjaer, Romagnoli, Gabbia e Kalulu. E calcolando le tre competizioni - e tutti i rischi fisici del caso -, un giocatore in più, con un discreto bagaglio d'esperienza, non guasterebbe. 

CESSIONE - Come scritto poc'anzi, sarà molto difficile una sua partenza a titolo definitivo con ancora due anni di contratto (e ad un prezzo che convinca la società). E le sole nove partite disputate in tutte le competizioni nella scorsa stagione con la maglia dell'Atalanta (132' minuti totali, ndr) hanno chiaramente favorito alla svalutazione del prezzo del suo cartellino - che, oggi, secondo il portale di riferimento Transfermarkt, si assesta intorno ai 5 milioni di euro -. Perciò sarebbe più probabile un suo addio temporaneo, un prestito rigenerante che potrebbe giovare sia il difensore che le casse del club in caso di cessione tra un anno. Il suo futuro, quindi, dipenderà quasi totalmente dalla sua volontà e dalla sua forma fisica (e mentale). Un mese per decidere cosa fare e sabato c'è la prima amichevole estiva...