Calhanoglu a Sky: "Non ho mai pensato al mercato. A Udine abbiamo sbagliato ma è stata solo la prima partita"

29.08.2019 14:45 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Calhanoglu a Sky: "Non ho mai pensato al mercato. A Udine abbiamo sbagliato ma è stata solo la prima partita"

Hakan Calhanoglu, intervistato da Sky Sport 24, ha parlato del momento in casa rossonera dopo lo scivolone alla Dacia Arena, tra gruppo, singoli, obiettivi e allenatore.

Sulla sconfitta contro l'Udinese: "A Udine abbiamo sbagliato alcune cose, non abbiamo fatto tutto quello che il mister vuole. L'Udinese ha giocato bene, ci hanno chiuso in mezzo, ma questa è solo la prima partita".

Sulle voci di mercato: "Non ho capito questa cosa, tutti i giornalisti hanno parlato di mercato, se ne occupa il mio agente, io guardo solo al lavoro, al nuovo mister, un nuovo ruolo. Per fare le cose bene bisogna lavorare e ci vuole tempo".

Sul lavoro di Giampaolo: "Il gioco è diverso, a mister Giampaolo piace giocare avanti, in verticale, quando prendiamo palla vuole attaccare subito, siamo sulla buona strada, ci vuole tempo per lavorare e fare le cose bene, poi questo si vedrà anche in campo. Altri allenatori avevano altre filosofie, in passato ho giocato col 4-3-3. Noi facciamo quello che vogliono gli allenatori, con rispetto per loro. Quest'anno è cambiato tutto e noi lavoriamo".

Sul nuovo modulo: "Noi vogliamo fare tutto quello che mister vuole, al 100%, con mentalità. Serve un po' di tempo per capire bene questo sistema di gioco".

Su Milan-Brescia a San Siro: "San Siro è sempre bello, spero che contro il Brescia faremo una partita buona di fronte ai nostri tifosi".

Su Piatek: "A lui manca il gol, noi parliamo sempre di questa cosa. La gente scrive che è per via della maglia numero 9 ma lui è un giocatore forte, ci sta non segnare, lui fa tutto per noi e viceversa".

Sul livello della Serie A: "E' un grande livello, la Serie A è un campionato forte".

Sull'obiettivo Champions: "Noi guardiamo partita per partita, prima pensiamo a noi poi al resto".

Sui nuovi calciatori: "Mi piacciono tutti, sono bravi ragazzi con un grande carattere e un grande cuore. Mi piace come sono arrivati. E' normale che ci vuole tempo, ma siamo sulla buona strada".