Da Firpo a Vina: chi sono i terzini sinistri che segue il Milan

20.01.2021 12:00 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Simone Bernabei per tuttomercatoweb.com
Da Firpo a Vina: chi sono i terzini sinistri che segue il Milan

Mandzukic è arrivato. Meite pure, Tomori quasi. Ma in casa Milan i movimenti invernali di mercato potrebbero non essere finiti qua. La dirigenza rossonera infatti ha tutta l'intenzione di chiudere anche un quarto colpo, un rinforzo a sinistra che possa coprire le spalle a Theo Hernandez e completare la rosa (anche vista l'imminente uscita di Conti) consentendo a Dalot di traslocare nel suo habitat naturale, ovvero la fascia destra. E ad oggi, con ancora quasi due settimane di trattative davanti, il Milan sta valutando tanti nomi e diversi profili, con la lista dei preferiti che si può ridurre a quattro:

Junior Firpo del Barcellona - Nazionale spagnolo, l'ex Betis non ha trovato particolare fortuna al Camp Nou e da tempo si parla del suo addio. In estate era stato seguito dall'Inter, oggi è il Milan ad averci fatto un pensierino. Ma salvo sorprese, difficilmente si verificherà la fumata bianca. Perché lo stesso Firpo vuole una squadra che gli garantisca minuti (e con Theo Hernandez non sembra semplicissimo...) e lo stesso Barça darebbe il via libera solo dopo aver trovato un sostituto da alternare con Jordi Alba.

Nuno Mendes dello Sporting CP - Esterno mancino classe 2002, può agire senza problemi da terzino o da quinto di centrocampo. E' uno dei grandi protagonisti dello straordinario inizio di stagione dello Sporting e anche per questo i lusitani se ne priverebbero solo di fronte ad un'ofeerta irrinunciabile. Ma il profilo al Milan piace eccome...

Iago dell'Augsburg - Un altro profilo che piace da tempo ai rossoneri che lo hanno seguito dal suo arrivo in Germania nel 2019. Classe '97, ha il vantaggio di possedere il passaporto comunitario. In questa stagione sono 13 le presenze condite da 1 gol e 3 assist.

Matias Vina del Palmeiras - Quasi come uno scherzo del destino, il talento uruguayano fu scippato dal Palmeiras al Milan nel gennaio dello scorso anno. I brasiliani furono più convinti, nonostante i rossoneri lo seguissero da vicino, e arrivarono all'accordo col Nacional. 12 mesi dopo il gradimento rossonero è rimasto intatto, ma il prezzo è salito e il Palmeiras non vorrebbe privarsene almeno fino alla sera del 30 gennaio, giorno in cui andrà in scena la finale di Libertadores contro il Santos. Va da sé che i tempi tecnici per chiudere la trattativa non sarebbero così larghi, almeno per questo mercato di gennaio.