Gazzetta - Milan, Elliott non molla e rilancia: il fondo conferma l’impegno nel club e rinnova la volontà di investire

18.10.2019 10:00 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Gazzetta - Milan, Elliott non molla e rilancia: il fondo conferma l’impegno nel club e rinnova la volontà di investire

Il Milan vuole risalire dopo il peggior bilancio in 120 anni di storia e per farlo può appoggiarsi su un sostegno importante, cioè Elliott: il fondo americano, che sta coprendo le perdite, ha infatti confermato di volersi impegnare ancora per riportare in alto il club di via Aldo Rossi. E la forte volontà di costruire il nuovo stadio è la dimostrazione più chiara della volontà di guardare avanti insieme.

PATRIMONIO NETTO - A riportarlo è l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport che spiega che Elliott sa bene che il percorso è molto insidioso e per questo scelto di partire con tutto il carico possibile: è infatti abitudine negli ambienti finanziari gravare sul primo bilancio per avere maggiori certezze di potersi alleggerire in seguito. La dimostrazione che Elliott non ha nessuna intenzione di mollare è l’indice del patrimonio netto aumentato di 119 milioni, dal - 36mln di fine giugno 2018 al +83 di fine giugno 2019: secondo la Rosea, questo dato segna la consistenza del patrimonio della società, il capitale interno attualmente presente e permette di diminuire i debiti verso gli altri club, oltre a concedere l’apertura di nuove linee di credito bancarie.

INVESTIMENTI - Elliott ha rinnovato la sua volontà di investire perchè senza una squadra competitiva e in Champions League è molto complicato aumentare i ricavi, soprattutto quelli provenienti dagli sponsor. Finora il fondo americano ha già permesso al club rossonero di fare importanti invesimenti sul mercato, anche se questi per ora non hanno portato grandi risultati. La cessione di un big ha gennaio potrebbe dare nuova linfa al club milanista, ma da via Aldo Rossi fanno sapere che privarsi di un top player durante il mercato invernale sarebbe incoerente rispetto al progetto di crescita.