Milan, il punto sul mercato invernale: affari conclusi e possibili partenti

16.01.2020 21:00 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Milan, il punto sul mercato invernale: affari conclusi e possibili partenti

Giovedì 16 gennaio 2020, siamo a metà della sessione invernale di calciomercato. Il Milan finora ha effettuato 6 operazioni ufficiali fra entrate ed uscite e nelle due settimane rimanenti è probabile che ci saranno altri movimenti. Ma entriamo nel dettagli:

I POSSIBILI PARTENTI – Sono molti i giocatori, anche importanti, che potrebbero lasciare il Milan in questa finestra di mercato: Piatek, Paquetá, e Kessie. Per il centravanti polacco, autore di una prima parte di stagione deludente, c’è il Tottenham: il club allenato da Mourinho deve far fronte all’assenza di Harry Kane fino ad Aprile. Per un’offerta superiore ai 30 milioni i rossoneri lascerebbero partire l’ex Genoa, che ora è chiuso anche da Ibrahimovic. Paquetá invece è cercato dal PSG: il DS del club parigino è Leonardo, l’uomo che esattamente un anno fa l’ha portato a Milano, prelevandolo dal Flamengo. Il numero 39 è uscito dai titolari e accetterebbe la corte dei campioni di Francia, ma Boban e Maldini chiedono almeno 35 milioni di euro. Operazione per ora in stand-by. Infine anche Franck Kessie, certamente non nella lista degli incedibili, potrebbe essere uno dei candidati a lasciare il Milan. La dirigenza rossonera chiede almeno 25 milioni di euro: per l’ivoriano c’è da registrare l’interesse dell’Arsenal ma l’offerta dei Gunners non è stata giudicata congrua.

SITUAZIONE SUSO-UNDER – Cengiz Under, ala destra di piede sinistro in forza alla Roma, è uno degli obiettivi del Milan per rinforzare le corsie esterne. Il turco classe ’97 può rientrare in un’operazione che vedrebbe Suso fare il percorso inverso. L’ala spagnola è in evidente difficoltà in questo avvio di stagione e per i rossoneri non è incedibile, anzi. Maldini e Boban, a prescindere dal possibile scambio con l’esterno di Fonseca, lascerebbero andare il nativo di Cadice a fronte di un’offerta sui 20-25 milioni di euro. Suso e Under con il destino legato, ma non è detto: sono operazioni che potrebbero andare in porto a prescindere da questo possibile scambio.

RICARDO RODRIGUEZ – Il terzino svizzero è praticamente prossimo alla partenza: per lui si erano mossi PSV e Fenerbahce, ma Rodriguez ha scelto i turchi. La formula dell’affare sarà la seguente: prestito di sei mesi con obbligo di riscatto fissato a 5 milioni. I rossoneri comunque cercheranno di sostituire l’ex Wolfsburg e stanno sondando diversi profili, per lo più giovani, da prendere e affiancare a Theo Hernandez.

ZLATAN IBRAHIMOVIC – Il gigante svedese è arrivato, a parametro zero, all’inizio di gennaio. Il centravanti ha firmato un contratto di sei mesi con rinnovo per un ulteriore anno legato ad obiettivi personali e della squadra.

CALDARA E KJÆR – Quasi a sorpresa i rossoneri hanno lasciato partire Mattia Caldara, non ritenuto affidabile dal punto di vista tecnico e fisico. Il difensore italiano classe ’94, corteggiato con insistenza da Gasperini, è tornato all’Atalanta con la formula del prestito di 18 mesi e un diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Caldara è stato sostituito immediatamente da Simon Kjær, difensore danese di proprietà del Siviglia in prestito all’Atalanta per i primi sei mesi di stagione. Anche per lui la formula è quella del prestito, semestrale, con diritto di riscatto.

REINA E BEGOVIC – Pepe Reina, desideroso di giocare di più, ha chiesto ai rossoneri di essere ceduto e si è quindi unito, in prestito semestrale, all’Aston Villa. Il Milan l’ha sostituito con Asmir Begovic, anche lui in prestito di sei mesi. Il portiere bosniaco arriva dal Bournemouth.