Non sprecare il talento: tre mezz'ali sinistre alternative, servono nuove idee

11.09.2019 20:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Non sprecare il talento: tre mezz'ali sinistre alternative, servono nuove idee

In estate, prima delle indicazioni di Giampaolo, in tanti avrebbero scommesso su Paquetà trequartista. Previsione completamente sballata, col tecnico abruzzese che è stato chiarissimo: il brasiliano è ritenuto un centrocampista e non un attaccante, motivo per cui la sua collocazione è sull'interno. Messo in soffitta il 4-3-1-2 in favore di un ritorno al 4-3-3 (anche se tatticamente differente rispetto a quello di Gattuso), ora il posizionamento del brasiliano diventa ancora più chiaro.

VERONA IN VISTA - Titolare contro l'Udinese, in panchina contro il Brescia. Cosa riserverà il destino a Paquetà in vista di Verona? Il verdeoro deve ancora tornare a Milanello, visto l'impegno nella notte contro il Perù, il che non giocherà sicuramente a suo favore in vista della sfida di domenica. Anche Calhanoglu deve ancora rientrare, il che potrebbe far accrescere i dubbi di Giampaolo, ricordando sempre che Bonaventura sembra abile ed arruolabile. Nell'ultima conferenza stampa l'allenatore di Giulianova ha sottolineato che Jack ha bisogno di tempo, ma la sensazione è che l'ex Atalanta possa riuscire a giocare almeno un'ora.

ALTERNATIVI, PER ORA - Il concetto generale, tuttavia, è il seguente: Paquetà, Calhanoglu e Bonaventura sono tre tra i giocatori più talentuosi della rosa milanista e, ad oggi, sembrano gli uni alternativi agli altri nel ruolo di interno sinistro. Una situazione piuttosto limitante considerando che i titolari nelle altre caselle sono piuttosto chiari: Bennacer in regia, Kessie come mezz'ala destra, Suso-Piatek in avanti e, in ottica di breve/medio periodo, Rebic. Giusto avere una panchina di qualità, così come ovvio risparmiare Jack dopo quasi un anno di inattività, ma Giampaolo dovrebbe studiare un undici alternativo che possa vedere in campo almeno due dei tre sopracitati, magari cambiando modulo quando si farà a meno di Suso, oppure puntando su una mediana più tecnica se si volesse rinunciare temporaneamente all'ivoriano. Scelte che dovranno essere studiate a Milanello con calma ed attenzione, senza rompere l'equilibrio e, allo stesso tempo, senza sprecare il talento.