Spezia, Juve e Inter in piena emergenza: il punto sulle carte di Pioli. Di necessità, virtù!

14.01.2022 18:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Spezia, Juve e Inter in piena emergenza: il punto sulle carte di Pioli. Di necessità, virtù!
MilanNews.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il 2022 del Milan è cominciato benissimo sotto l’aspetto dei risultati: tre vittorie in tre partite, di cui due in campionato contro Roma e Venezia e il pass per i quarti di finale di Coppa Italia ottenuto contro il Genoa. Dal punto di vista della situazione infortuni, però, la situazione non è migliorata. E anzi: mai come in questo periodo - tra Covid, problemi fisici e impegni extra continentali - la sfortuna si sta accanendo pericolosamente contro le ambizioni della squadra di Pioli.

I pochi presenti
Il tecnico rossonero, infatti, si prepara ad affrontare il trittico Spezia (17 gennaio), Juventus (23 gennaio) e Inter (6 febbraio) con le scelte praticamente ridotte all’osso in due reparti su tre. Contro i liguri, lunedì, tra difesa e centrocampo ci saranno a disposizione solamente sette uomini (più l’eventuale possibilità di ritrovare l’attualmente positivo Romagnoli) per sei posti: in difesa Florenzi, Kalulu, Gabbia, Theo Hernandez e il rientrante Calabria (domani il primo allenamento post Covid), e a centrocampo i soli Bakayoko e Krunic. Tonali è squalificato, Kjaer e Tomori gli infortunati.

Di necessità, virtù
Se, comunque, la differenza di qualità contro lo Spezia resta abbondante, è, ovviamente, più preoccupante la situazione in vista dei match più importanti della stagione contro Juventus e Inter. Da tenere d’occhio c’è, in primis, la situazione legata a Theo Hernandez: al prossimo giallo, il terzino francese dovrà scontare una giornata di squalifica. È, inoltre, praticamente impossibile, considerando i tempi, il rientro in rosa di Kessie e Bennacer impegnati in Coppa d’Africa. Insomma, il 2022 del Milan è cominciato benissimo sotto l’aspetto dei risultati e - come i rossoneri hanno sempre dimostrato - anche al cospetto delle difficoltà si farà il massimo per continuare ad ambire al massimo. Facendo di necessità, virtù.