Tutte le strade portano ad Ibra. Il mancato rinnovo sarebbe un paradosso, non solo per il Milan

15.08.2020 16:30 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Tutte le strade portano ad Ibra. Il mancato rinnovo sarebbe un paradosso, non solo per il Milan

I rallentamenti per il rinnovo di Zlatan Ibrahimovic, nonostante le positivissime sensazioni delle ultime settimane, stanno monopolizzando le "attenzioni" del Ferragosto rossonero. Un mancato rinnovo dello svedese sarebbe uno scenario dalle tinte catastrofistiche, visto che tutte le parti in causa, giocatore compreso, vogliono firma e permanenza. La distanza economica raccontata in queste ore è tutt'altro che banale, ma sarebbe francamente paradossale che il banco salti soltanto per "soldi".

QUESTIONE DI VOLONTA' - A luglio, quando Pioli sembrava destinato a lasciar spazio a Ralf Rangnick, si raccontava di un Ibra arrabbiato, un Ibra che avrebbe voluto un cenno dal club per poter restare e continuare in rossonero, il suo primo desiderio. Ora quel cenno è arrivato ed è anche arrivata un'offerta importante, quasi un unicum per un giocatore prossimo ai 39 anni. Se Zlatan dovesse preferire svernare altrove, o addirittura chiudere la carriera, piuttosto che accettare un'offerta comunque considerevole, sarebbe un vero e proprio paradosso. Perché 6 milioni (quanto il Milan avrebbe proposto, bonus compresi) sono una cifra che nessun club europeo di prima fascia, ad oggi, potrebbe assicurargli.

TUTTE LE STRADE... - In questo momento è francamente impensabile che non si trovi un accordo. Ricordiamo che il club lo ha scelto come testimonial sia per la presentazione della prima maglia sia per quella della terza casacca, che verrà presentata il prossimo 17 agosto. Sono dettagli, aspetti che non fanno una trattativa, ma tutto il Milan fin qui si è comportato come se Zlatan fosse il centravanti titolare per la prossima stagione. E se lo ha fatto, anche nelle varie dichiarazioni, è per via di un discreto, eufemisticamente parlando, ottimismo sul suo rinnovo.