Milan, un 11 di rinnovi: 9 già messi in campo, ne mancano due... tosti

12.11.2022 08:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Milan, un 11 di rinnovi: 9 già messi in campo, ne mancano due... tosti
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Oltre a Stefano Pioli, negli ultimi mesi il Milan ha rinnovato i contratti dei seguenti calciatori: Theo Hernandez, Matteo Gabbia, Simon Kjaer, Alexis Saelemaekers, Fikayo Tomori, Sandro Tonali, Rade Krunic e, per ultimo in ordine di tempo, di Pierre Kalulu, oltre a quello vicino di Olivier Giroud; in ordine d'appello, seguendo la rosa con i più importanti calciatori a disposizione del mister, ne mancano solo due: Ismael Bennacer e Rafael Leao.

Nuova trattativa
Con Bennacer il Milan aveva già raggiunto un accordo di massima sul rinnovo un annetto fa, salvo poi, come dichiarato indirettamente da Maldini a fine campionato scorso, dover ritardare la firma a causa dell'aumento delle richieste del centrocampista algerino successive all'avvento prossimo (poi avvenuto l'1 giugno) della nuova proprietà. Dai 3 milioni circa inizialmente richiesti, si è passati a parlare di un nuovo accordo sui 4 milioni di euro a stagione, legittimati, almeno per ora, dalle super prestazioni che il numero 4 sta offrendo in questa stagione. L'assenza dal Mondiale dell'Algeria, probabilmente, permetterà a Maldini e Massara di parlare con più serenità con il calciatore e il suo entourage per il rinnovo, considerando la scadenza nel 2024.

È lunga
Se il rinnovo di Bennacer non è semplice, quello di Rafael Leao è notoriamente e oggettivamente molto complicato. Nella trattativa con il portoghese ci sono tantissime variabili: l'agente Jorge Mendes, il padre del calciatore molto presente, l'avvocato francese che è stato a metà mese in visita a Casa Milan, il processo con lo Sporting Lisbona, le necessità di bilancio del Milan... Insomma: trovare la quadra è complicato, ma, entro giugno 2023, il Milan dovrà decidere cosa fare di Leao: rinnovarlo (se il calciatore vorrà, chiaramente) a determinate condizioni oppure cederlo per una grossa cifra prima che vada a scadenza nell'estate del 2024.