Ibra: gol, record e tanta voglia di rinnovo. Nuovi contratti Gigio-Hakan: serve accorciare i tempi. Ancora capolisti: non è più una notizia

08.02.2021 00:00 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
Ibra: gol, record e tanta voglia di rinnovo. Nuovi contratti Gigio-Hakan: serve accorciare i tempi. Ancora capolisti: non è più una notizia

Il Milan supera l’esame da capolista e lo fa con una prestazione convincente, rispondendo alle vittorie di Inter e Juventus con una prova che tutti si aspettavano. Perché negli anni addietro, quando queste partite avevano significati importanti seppur diversi rispetto a quello attuale, venivano fallite. Mentre ieri il Milan ha fatto una partita da capolista, che ha permesso alla squadra di riprendersi la vetta della classifica e di pensare alla partita con lo Spezia che tutto sarà tranne che facile. Ma è evidente che il Milan stia bene fisicamente e mentalmente, forte anche di un Ibrahimovic che ha risposto con due gol alle polemiche e di un Ante Rebic che sta risbocciando sotto porta. Nonostante le assenze dei due registi puri, la squadra ha trovato fluidità di manovra, perdendosi un po’ all’inizio del secondo tempo a livello di incisività prima di ritrovare la strada giusta e archiviare una vittoria che legittima ulteriormente il primato milanista.

Ma Milan-Crotone, più che per il 4-0 finale, passerà agli annali per i gol numero 500 e 501 di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, in cuor suo, sperava di raggiungere questo traguardo davanti alla sua gente, in un bagno di folla che sarebbe stato quasi hollywoodiano. Ha esultato, eccome se ha esultato, sotto la sua curva e ha fatto esultare tutti i tifosi milanisti davanti alla televisione che hanno inondato i social di complimenti per lui. La strada, anche per il prossimo anno, sembra essere segnata. Il Milan vuole andare avanti con lui ancora un anno, lui vuole andare avanti con il Milan e le parti si troveranno per discutere i termini di questo nuovo accordo. Probabilmente con la benedizione finale della signora Helena, compagna di Zlatan, che ha sentito il peso dell’assenza della famiglia in questo suo Milan-bis, ma non è detto che il suo nucleo familiare non si possa ricomporre a Milano.

Sono settimane che vi raccontiamo dei rinnovi di contratto che la dirigenza deve sottoscrivere con Donnarumma e Calhanoglu, oltre a quelli in scadenza nel 2022. Ebbene, se durante il mercato tali discorsi erano stati congelati, ora è arrivato il momento di pigiare sull’acceleratore. Il Milan ha bisogno di avere certezze e Gigio e Hakan lo sono e come tali devono continuare ad essere. Serve far quadrare i conti sui loro stipendi, ma anche dargli il giusto riconoscimento economico. Perché oggi, bisogna essere onesti, di giocatori prendibili più forti di Donnarumma e Calhanoglu non ce ne sono. E allora forza, chiudiamo questi dossier così come quelli relativi a Calabria e Kessie in modo tale da pensare solo ed esclusivamente al campionato e ad una cavalcata esaltante, che sta certificando come il Milan, si signori, è davvero tornato competitivo.