L’obiettivo sui rinnovi: ecco entro quando vogliono chiuderli. Pioli il primo a essere annunciato. Mercato di gennaio: la doppia strategia

15.11.2021 00:00 di Pietro Mazzara Twitter:    vedi letture
L’obiettivo sui rinnovi: ecco entro quando vogliono chiuderli. Pioli il primo a essere annunciato. Mercato di gennaio: la doppia strategia

L’obiettivo della dirigenza del Milan è chiaro: vuole chiudere i rinnovi di contratto di Theo Hernandez, Rafael Leao e Ismael Bennacer entro natale, al massimo entro la fine del 2021. Maldini e Massara, dopo i casi Donnarumma, Calhanoglu e Kessie hanno capito la lezione e si sono portati molto avanti con tre dei giocatori più importanti della rosa a disposizione di Stefano Pioli. Ci saranno degli aumenti sostanziosi di stipendio per tutti, è un fattore inevitabile, ma fortemente sostenibile e in linea con quella che è l’evoluzione economica del club. Si parla di stipendi, in media, da 4 milioni per tutti e tre, forse qualcosa meno per Bennacer ma roba di poche centinaia di migliaia di euro. Il fatto è che il Milan vuole vivere sereno e blindare i suoi giocatori senza dover più vivere con l’angoscia che possano andare via. Come accadrà con Franck Kessie, che ha il Tottenham come squadra molto interessata a lui. Non era un mistero che, due anni fa nel mercato di gennaio, Conte lo chiese esplicitamente a Marotta per la sua Inter.

Quello più imminente, come annuncio, è quello di Stefano Pioli. la sensazione è che la sua ufficialità possa arrivare nel momento in cui Ivan Gazidis tornerà da New York dove si trova attualmente per dei nuovi controlli relativi al tumore alla gola che lo ha colpito. In più, da quanto filtra, l’ad rossonero starebbe per finalizzare – insieme al suo team di lavoro – una nuova e importante sponsorizzazione. Insomma, non si è mai fermato nemmeno quando la malattia gli ha presentato il conto. Tempistica stimata: entro 7-10 giorni. È un Milan dinamico, virtuoso, che sta vivendo la fase due della sua rinascita economico-sportiva e si vede nei dati degli incassi da stadio. Tra campionato e Champions, i rossoneri hanno già sfondato 15 milioni di incassi in otto partite.

Il mercato di gennaio, invece, deve ancora delinearsi. La rosa è ampia e potrebbe richiedere qualche lieve potatura (Conti e Castillejo gli osservati speciali), ma molto dipenderà da quelle che saranno le necessità fisiche e tecniche di Pioli. Con la Coppa d’Africa che priverà l’allenatore di Kessie, Bennacer e Ballo-Touré per almeno 15-20 giorni, era ipotizzabile pensare a un ingresso del Milan sul mercato, ma Maldini e Massara vogliono farlo solo se strettamente urgente. Ecco perché ci sono due strade possibili: la prima è quella di una chiusura agli ingressi mentre la seconda è quella di un mercato di opportunità, anche in base a quelli che saranno gli indici di rendimento di alcune seconde linee. Insomma, tutto in divenire, ma le due chance sono chiare.