Loro hanno i soldi, ma noi l’acido desossiribonucleico. La strada per colmare il gap è ben chiara. Il bancomat del Milan. Lo scienziato Pioli sta intanto studiando un Coup de Théatre

28.12.2022 00:00 di Carlo Pellegatti   vedi letture
Loro hanno i soldi, ma noi l’acido desossiribonucleico. La strada per colmare il gap è ben chiara. Il bancomat del Milan. Lo scienziato Pioli sta intanto studiando un Coup de Théatre
MilanNews.it

“Eh, allora non vale!” E’ il primo pensiero che mi si è affacciato alla mente lunedì sera, mentre stavo vedendo: "Quando Dio imparò a scrivere”. Un film intenso, forte, angosciante. Uno “Shutter Island” in versione spagnola. Proprio mentre la protagonista subiva l’elettrochoc, in una delle scene più drammatiche, una notifica raggiunge il mio telefono. Cody Gakpo è stato acquistato dal Liverpool. Avevo certo saputo che Luis Diaz, il campione colombiano in forza ai Reds, aveva subito una brutta ricaduta. Il ginocchio dovrà essere ancora operato. L’assenza prevista è intorno ai tre mesi. Non immaginavo però che, in sole 48 ore, il Liverpool avrebbe colmato il vuoto lasciato da Diaz con Gakpo, uno dei più forti attaccanti del panorama europeo, brillante protagonista in Quatar. Due soli giorni per decidere e per mettere 42 milioncini di euro, sul tavolo del PSV Eindhoven. Cifra che si somma ai” milioncioni” passati per Darwin Nunez e lo stesso Diaz. Un totale di 202 in due anni. Allora mi è venuto spontaneo esclamare e ribadire subito sul mio canale youtube: “ Allora non vale !”. Eh, sì, allora non stanno esagerando coloro che sostengono che di fatto una “Superlega”, in Europa, esista già. Squadre con altri budget, con altri proventi, con altre disponibilitàm con altra velocità nel decidere di investire decine di milioni. La risposta delle… altre può essere di due tipi. Rassegnarsi a una superiorità non solo sul campo verde, difficile da contrastare, e piangere sulla superiorità del calcio inglese o del Paris St. Germain. Oppure lavorare per trovare le soluzioni più adatte e efficaci  per colmare questo gap. I dirigenti del Milan hanno chiara quale debba essere la via per affrontare la difficilissima sfida ,con qualche buona possibilità di riuscirci. Aiuteranno le casse del Milan i proventi da stadio, il forte sviluppo  dell’area commerciale, con l’obbiettivo di raggiungere presto i 500 milioni di ricavi. Il salto di qualità però potrà essere effettuato solo con la costruzione del nuovo stadio. E presto! Nella zona di San Siro o a Sesto San Giovanni o a San Donato, ma importante è cominciare a costruire rapidamente il nuovo impianto. Sono convinto che Gerry Cardinale, in caso di nuovi lacci o lacciuoli, non aspetterà ancora molto per prendere una decisione anche se si tratterà di una mossa clamorosa. Bravi i plenipotenziari del mercato a mettere le basi di un  nuovo, grande Milan. A partire da Theo Hernandez e Leao, per continuare con Tomori, Kalulu, Maignan,Tonali , Bennacer e speriamo CDK. Insomma i primi piani della “Casa Milan “ sono stati costruiti ,ma per i superattici non è sufficiente la fantasia e lo scouting, ma serve denaro fresco e tanto. Il bancomat del Milan, lo ripeto,  si chiama  STADIO.

Chiudiamo parlando di campo. Contro il PSV, venerdì alle 18,15 dovrebbe debuttare, dal primo minuto, De Ketelaere, nella posizione di attaccante centrale di manovra . Un lungo giro di parole per non usare l’espressione “Falso Nueve” che detesto!  Mi sembra un  esperimento molto suggestivo  e foriero di prospettive interessanti. Stefano Pioli è uno studioso che fa rima con coraggioso. Potrebbe essere l’ennesimo Coup de Théatre  del tecnico parmigiano , che ,nelle emergenze, non alza lamenti ma studia e lavora. Dietro il belga, mi piacerebbe vedere “Mozart” Adli. I due ragazzi sono molto amici anche fuori dal campo. Hanno un naturale propensione al dialogo balistico ,elegante e morbido. Potrebbero regalare una bella sorpresa ai tifosi del  Milan ,che intanto  attendono  notizie sui ritorni in gruppo di Krunic e Messias, per non parlare di Origi e Maignan.

Tutto fermo per quanto riguarda il portiere. La strada che porta a Marco Sportiello potrebbe essere lastricata di ostacoli. Sono nate voci, ancora da confermare, legate ad un interessamento per Yann Sommer, portiere della Nazionale Svizzera e del Borussia Moenchengladbach. Scadenza nel giugno 2023.  Quanto a esperienza e classe sarebbe un eccellente acquisto, ma i dirigenti rossoneri forse preferirebbero un italiano. Scelta legata alla lista da consegnare alla Uefa per l’ultima fase della Champions League.  A proposito, gli altri acquistano e si rinforzano, ma attenzione ai rossoneri se dovessero  approdare ai quarti di finale. L’acido desossiribonucleico del Milan, responsabile del carattere ereditario, quello degli Schiaffino, dei Liedholm, dei Rivera , dei Prati, dei Baresi , dei Maldini ,l’abbiamo solo noi. E non si può comprare!