Sfida ad alta quota. Sul mercato e sui rinnovi si può svoltare. Leao, Mazzocchi, Allegri e Mancini...

18.09.2022 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    vedi letture
Sfida ad alta quota. Sul mercato e sui rinnovi si può svoltare. Leao, Mazzocchi, Allegri e Mancini...
MilanNews.it

Stasera a S. Siro il big match contro il Napoli darà interessanti indicazioni sui rapporti di forza là in alto in classifica. Negli ultimi anni i partenopei in casa del Milan sono una bestia nera: le ultime due volte hanno sbancato con successi esterni (complici episodi arbitrali), mentre per una vittoria casalinga dei rossoneri in campionato bisogna tornare addirittura al 2014, con Pippo Inzaghi in panchina.

Si affrontano probabilmente le due squadre che hanno espresso fin qui il gioco migliore, entrambe orfane del loro giocatore più importante: Leao da una parte e Osimhen dall'altra.

Se per quanto riguarda il nigeriano la causa è un infortunio, per il portoghese la squalifica per doppio giallo contro la Sampdoria fa ancora discutere. E fa male, soprattutto dopo aver visto la disparità di giudizio nell'episodio analogo che ha visto protagonista Mazzocchi venerdi in Salernitana-Lecce. E' un gran peccato non poter contare su Rafa, giocatore che da solo è in grado di vincere le partite. Non bisogna però disperarsi: il Milan ha dimostrato di essere squadra, più squadra di tutte, anche senza tanti giocatori lo scorso anno, in situazioni anche peggiori. A proposito, qualcuno ricordi ad Allegri che Pioli ha vinto lo scudetto affrontando diverse partite senza tanti titolari.

Da qualche settimana la parola emergenza è scritta sul reparto d'attacco. Purtroppo Rebic e Origi rappresentano oggi dei punti di domanda: la speranza è di recuperarli dopo la sosta senza più ulteriori intoppi. Altrimenti il Milan sarà costretto a ricorrere al mercato di gennaio. Le parole di Maldini in settimana lasciano intravedere all'orizzonte un futuro più roseo anche a livello di investimenti. Dunque mercato in entrata ma anche rinnovi. Quello di Leao sarebbe il miglior biglietto da visita di Gerry Cardinale, il regalo più bello per il popolo rossonero. Sul tema Maldini è stato chiaro: "E' determinante la volontà del giocatore". Il portoghese al Milan ha tutto: è centrale nel progetto, anzi è l'uomo più importante. Il calcio di Pioli è perfetto per le sue caratteristiche. Altrove si potrebbe scontrare con difficoltà che hanno rovinato sul nascere tante carriere. E allora la speranza è che Rafa faccia la cosa giusta per proseguire la sua crescita: restare al Milan, con adeguato aumento di ingaggio, per il quale il decreto crescita è un grande alleato. Un passo avanti del Club e un passo avanti del diretto interessato e la favola può continuare.

Infine, abbiamo appreso con grande stupore le convocazioni azzurre: contenti per Pobega ma anche senza parole per Calabria. Come si fa a preferirgli Mazzocchi? Davide è il capitano della squadra campione d'Italia, ha vinto e ha esperienza anche in Europa.. con tutto il rispetto per il primo, anche solo accostarli è imbarazzante. Escludere il secondo, poi, è anche peggio.