Solo il Milan fa mercato. Sogno Vlasic più Ziyech. I "saluti" degli ex...

18.07.2021 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    vedi letture
Solo il Milan fa mercato. Sogno Vlasic più Ziyech. I "saluti" degli ex...
MilanNews.it

Zitto zitto il Milan è il Club che si è mosso di più in Italia. Partiamo dalla difesa: gli acquisti di Maignan, Tomori e Ballo-Tourè, oltre al rinnovo di Calabria L'operazione Tonali, il ritorno di Brahim Diaz e il colpo Giroud. Alla faccia dello scetticismo generale e delle perplessità dall'esterno quando si parla di Milan. Vero è che saranno necessari altri innesti, su tutti il trequartista, ma con ancora davanti un mese e mezzo di mercato oggi i tifosi possono guardare alla prossima stagione con ottimismo. L'arrivo del terzino sinistro e la volontà di ingaggiare anche una giovane punta (Kajo Jorge), danno l'idea di una dirigenza che non vuole lasciare nulla al caso nell'anno del ritorno in Champions League. Le rivali in campionato fin qui hanno sostanzialmente venduto o sono ferme al palo.

Per la trequarti oggi in pole c'è Nikola Vlasic ma non sarà facile trovare l'intesa col Cska. Il nome e l'ingaggio del croato sarebbero compatibili con una grande operazione per la destra e cioè il prestito di Ziyech dal Chelsea: il marocchino (con passaporto olandese) è sempre in cima alla lista dei desideri di Casa Milan. I due insieme rappresenterebbero un incredibile upgrade in termini di gol e assist. Infine un commento, o meglio appunto, sugli ex Donnarumma e Calhanoglu. Il primo nel post di saluto al Milan pre-confezionato dal social media manager omette una parola, significativa, doverosa: grazie. Grave mancanza, che forse però non ci stupisce conoscendone l'entourage. Parola che invece con eleganza il club gli ha rivolto nella risposta al messaggio. Il turco invece non perde occasione di punzecchiare.

Lo ha fatto subito, sui social, colorando di nerazzurro il cielo di Milano. Poi nelle dichiarazioni, ultima quella in settimana con cui evidentemente puntava a passare per la vittima di turno. "Al Milan solo Pioli mi voleva veramente", lasciando intendere se ne sia andato perchè la dirigenza non lo ha fatto sentire importante. Come se la questione economica non avesse avuto un ruolo determinante, ignorando che il suo agente sia andato per mesi col piattino per mezza Europa cercando un euro in più. Il 'no comment' di Maldini a chi gli chiedeva un commento sulla scelta dell'ex numero 10 è il classico silenzio assordante. Calhanoglu se si sente nelle condizioni di poter togliersi sassolini dalle scarpe evidentemente non conosce vergogna.