ESCLUSIVA MN - Fascetti: "Il Milan è la squadra da battere. De Ketelaere? Maldini difficilmente sbaglia le valutazioni. E Ibra può ancora essere decisivo"

01.08.2022 16:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
ESCLUSIVA MN - Fascetti: "Il Milan è la squadra da battere. De Ketelaere? Maldini difficilmente sbaglia le valutazioni. E Ibra può ancora essere decisivo"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Mister Eugenio Fascetti, allenatore in passato tra le altre di Bari, Lazio e Fiorentina, ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per parlare dell’attualità rossonera e dell’imminente inizio del campionato di Serie A.

Mister Fascetti, il Milan può essere considerata la squadra da battere?

“Sì, e non solo perché ha vinto lo Scudetto. Il Milan ha un impianto consolidato e annovera un sacco di giocatori giovani che hanno tutto per far bene nel campionato italiano. Ci sono poi dei nuovi arrivi, come Origi e De Ketelaere, che ho curiosità di vedere in mezzo al campo”.

Le principali avversarie quali saranno?

“Juventus e Inter anche se la Juve ha perso Pogba per infortunio e come assenza non può certo essere considerata agevole da arginare”.

Tatticamente si aspetta un Milan simile allo scorso anno o più padrone del campo per certi versi?

“La fisionomia può essere cambiata, a prescindere dai giocatori. Io credo che vedremo anche un nuovo volto di questo Milan. Ripeto, è la squadra da battere”.

De Ketelaere che impatto potrà avere sulla Serie A?

“Io personalmente lo conosco pochissimo. Dico solo che è stato cercato con insistenza, Paolo Maldini è uno che difficilmente sbaglia le sue valutazioni…”

Giusto proseguire con Zlatan Ibrahimovic?

“Assolutamente. Ibra può fare bene anche non giocando per la personalità che è stato in grado di trasmettere. Quando poi è in mezzo al campo, nonostante l’età, sa ancora come si fa ad essere decisivi”.

Sandro Tonali è il futuro del Milan e della Nazionale?

“Se ha fatto così bene nell’ultimo anno un motivo c’è. E’ cresciuto sotto l’aspetto tecnico, tattico e della personalità. Insieme a Barella diventerà il perno degli Azzurri, ne sono certo”.

Lo Scudetto cosa dà in più ad una squadra?

“La consapevolezza che si tramuta in forza e personalità. Il Milan ha vinto non per caso, questa squadra merita solo i complimenti. E meritano i complimenti Maldini, Massara e Stefano Pioli perché hanno creato un’orchestra che suona benissimo il suo spartito”.

Intervista di Peppe Gallozzi