ESCLUSIVA MN - Maranhão (Sportv): "Non mi aspettavo questo impatto di Paquetà. Può diventare un idolo dei tifosi come Kakà"

13.02.2019 14:00 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: intervista di Antonio Vitiello
© foto di Federico Gaetano
ESCLUSIVA MN - Maranhão (Sportv): "Non mi aspettavo questo impatto di Paquetà. Può diventare un idolo dei tifosi come Kakà"

Per commentare l'ottimo impatto di Lucas Paquetà nel Milan, la redazione di Milannews.it ha contattato in esclusivo Tiago Maranhão, giornalista della tv brasiliana Sportv. Ecco le sue dichiarazioni: 

Si aspettava un impatto così positivo di Paquetà nel Milan e nel calcio italiano?
"Sì e no. In Brasile si parla di Paquetà da tanti anni, da quando era già un crack del futuro a 17-18 anni. Si tratta di un giovane forte, è veloce e soprattutto ha una personalità di chi sa di essere bravo. Anche con tutte queste qualità, l'ambientamento non è sempre facile. Me lo aspettavo che fosse titolare, ma non che giocasse così bene dopo così poco tempo".

Il primo gol di Paquetà con il Milan è arrivato appena dopo la tragedia dell'incendio nel centro sportivo del Flamengo. Era quasi nel destino quel gol...
"Mi immagino che mix di emozioni per Lucas. Un momento di grande allegria è diventato un momento di grande dolore. Paquetà conosceva quei ragazzi, si sono allenati insieme, hanno mangiato insieme e forse hanno fatto anche qualche viaggio insieme. Sicuramente non dimenticherà mai il suo primo gol con la maglia del Milan".

Nel Milan, Lucas gioca da mezzala sinistra. Lei pensa che potrebbe essere più pericoloso in un altro modulo oppure è la posizione giusta per lui?
"Questo è un dibattito frequente che si fa in Brasile. Quale sarebbe la posizione giusta per Paquetà? Secondo me, quando fa il 'box to box', Paquetà può fare vedere tutto il suo talento".

Al Milan pensano che Paquetà col tempo possa ripercorrere le stessa carriera di Kakà. Il paragone è giusto?
"No non mi sembra corretto perchè, tra le altre cose, è un Milan troppo diverso da quello di Kakà che aveva in squadra gente come Sheva, Nesta, Maldini, Pirlo, Gattuso, Seedorf e Rui Costa. Però si può dire che Paquetà può diventare un grande idolo anche lui dei tifosi milanisti. Magari tra un po' a San Siro si sentiranno i tifosi cantare 'siam venuti fin qua per vedere segnare Paquetà'".

È vero che Paquetà potrebbe essere convocato col Brasile di Tite?
"Si, sicuramente. Credo anche che sarà tra i convocati per la prossima Copa America, che si giocherà tra giugno e luglio. Immagino Paquetà con Renato Augusto nella Nazionale Brasiliana, anche se, ad oggi, il rossonero mi sembra più forte".

di Antonio Vitiello