LA LETTERA DEL TIFOSO: "Caro Ibra ti scrivo" di Fabrizio

10.07.2020 22:12 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
LA LETTERA DEL TIFOSO: "Caro Ibra ti scrivo" di Fabrizio

Ciao Zlatan, questa lettera è per te, anche se so che non avrò la fortuna di sapere che ti è stata recapitata; la renderò pubblica perché ho la presunzione di parlare a nome di tanti, tantissimi tifosi del Milan. Ho quasi 54 anni e tifo Milan da sempre, negli anni di successi (tanti) e delusioni (poche ma dolorose) ho sempre portato nel cuore i colori del nostro amato club.

Ho riconosciuto vari giocatori icona nel grande Milan ( Rivera, Maldera, Baresi, Maldini, Nesta, Pirlo, Seedorf, Van Basten, Gullit, Kakà, Inzaghi, Dinho, ecc, ecc) patendo molto quando, per un trasferimento o fine carriera, si sono allontanati dal Milan....ma tornado al tema della mia lettera, quando tu Zlatan (assieme a Thiago) siete stati venduti (sottolineo SIETE STATI VENDUTI) al PSG ho davvero sofferto moltissimo.

Mi sono consolato (ad onor del vero non molto) continuando a seguire la tua carriera e i tuoi stratosferici ed innumerevoli goal. 

Tu sei un uomo con un carisma incredibile, hai innata la capacità di essere leader di una squadra anche quando sei seduto in panchina, gli avversari hanno talmente tanto timore della tua personalità e delle tue capacità calcistiche che, quando sei in campo, vengono a marcarti in 3. 

Sei assolutamente un serissimo professionista, il tuo ritorno nel nostro amato Milan è stato qualcosa di magico e di importantissimo, lo dicono i risultati non lo dico io. 

Hai portato sicurezza, volontà, esempio e stai dando ai giovani una grande carica e tanto senso di responsabilità!

Giocare nel Milan è un'enorme responsabilità e tu lo sai molto bene, i giovani ti prendono come un esempio da emulare. 

Detto questo, inutile dire che personalmente spero che tu resti nel Milan per sempre, ora da calciatore e poi da quello che ti pare ma basta che tu possa restare!

Nessuno come te può meritare un ruolo all'interno dell'organigramma rossonero.

Ti saluto e ti abbraccio metaforicamente ringraziandoti per le gioie che mi hai dato (per ultima la grande goduria per aver rimontato e battuto finalmente la Juventus) e, se deciderai di andare via, ti auguro ogni bene per il tuo futuro; non dimenticare che se la società dimostra poco rispetto nei tuoi confronti, il vero tifoso del Milan ti ama, metaforicamente parlando, dal profondo del cuore. 

Fabrizio da Genova