Mirabelli a Radio Deejay: "Quando ho proposto il nome di Gattuso la dirigenza cinese è svenuta"

09.03.2019 12:23 di Daniele Castagna Twitter:    vedi letture
Mirabelli a Radio Deejay: "Quando ho proposto il nome di Gattuso la dirigenza cinese è svenuta"
MilanNews.it

Intervenuto sulle frequenze di Radio Deejay, ospite del programma di Caressa e Zazzaroni, Massimiliano Mirabelli ha parlato così del Milan: ""Per quanto mi riguarda sono orgoglioso per aver messo una base su cui il Milan sta lavorando bene adesso. Quando fai un mercato bisogna fare il saldo. Noi abbiamo venduto per 60-70 milioni, senza toglierci i campioni. Abbiamo venduto Niang, Lapadula, tutte cose piccoline che ci hanno fatto guadagnare. Abbiamo fatto un saldo passivo di 160-170 milioni, ma c'è stato un ringiovanimento della rosa acquistando undici calciatori. Nei titolari adesso c'è Kessié, Çalhanoglu, Rodríguez, Musacchio, Conti, Biglia, più Gattuso, qualcuno di buono l'ho preso. Su Rino nessuno della stampa si aspettava simili risultati. Fare questi discorsi sui media è semplice, ma quando ci sono delle responsabilità in ballo è tutto diverso, io mi giocavo qualcosa di importante con quella scelta. La dirigenza cinese mi disse di prendere chi volevo in panchina, quando dissi il nome di Rino erano svenuti. Dissero che avremmo dato un segnale sbagliato, di smobilitazione".

Qualità di Gattuso? "È umile, vuole imparare tanto e si circonda di staff intelligente, di collaboratori bravi che sa anche dirgli di no quando serve".

Futuro? "Scriverò anche io un libro, ma devo aspettare tanti anni ancora (ride, ndr). Metterò dentro tante cose, vedrete vedrete".