Pellegatti: "Ibrahimovic non credo rimanga. Su Rangnick pausa di riflessione da parte della proprietà"

06.04.2020 20:15 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Pellegatti: "Ibrahimovic non credo rimanga. Su Rangnick pausa di riflessione da parte della proprietà"

Intervenuto ai microfoni di Sportmediaset.it Carlo Pellegatti, giornlista di fede rossonera, ha parlato di tanti temi legati al Milan. Queste le domande e le risposte:

Il futuro di Zlatan Ibrahimovic.

"Sono stato contento che Ibra abbia rispostoa i microfoni del collega svedese dicendo che non sa ancora cosa vuole. In questo modo sono state messe a a tacere tutte le illaziomni che lo davano per sicuro partente. Io se dovessi scommettere direi che probabilmente non rimanga.

Su Milik.

"Per le caratteristiche e la caratura del giocatore è sicuramente un profilo adatto al Milan. Non credo però che il Milan possa spendere 40 milioni di euro per un ventisettenne. Bisogna capire chi è l'allematore e quale modulo adotterà."

Sull'allenatore e sul nome di Rangnick.

"Rangnick se dovesse venire al Milan farebbe l'allenatore e dirigente. Non credo possa convivere con Pioli allenatore, lui vuole tornare ad allenare ed essere il responsabile del mercato. Al momento c'è una pausa di riflessione ma non di Rangnick ma del fondo Elliott a Londra."

Sul futuro di Romagnoli e l'interesse del Barcellona.

"Romagnoli interessa a tutte le squadre intelligenti perchè è un profilo raro e di unico talento. Se per Donnarumma un portiere sostitituto si può trovare, non della sua caratura ma qialcosa s può trovare mentre per Romagnoli non si trova un sostituto."

Su Donnarumma.

"Non sono sicuro della sua partenza anche perchè è difficile trovare una squadra che sborsi 40/50 milioni di euro se l'anno prossimo lo può avere a zero."