Pioli a MIlan TV: "Volevamo tenere aperto il discorso europeo, normale ci sia delusione"

07.12.2021 23:51 di Manuel Del Vecchio Twitter:    vedi letture
Pioli a MIlan TV: "Volevamo tenere aperto il discorso europeo, normale ci sia delusione"
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Stefano Pioli, intervistato da Milan TV, ha commentato così Milan-Liverpool di questa sera:

Sul percorso in Champions: “Siamo cresciuti, sapevamo che avremmo affrontato un girone difficile. Il fatto di non essere riusciti a qualificarci dispiace tanto, non ci è mancato tantissimo ma c’è ancora differenza con queste squadre molto forti. Vogliamo tornare in Europa, vogliamo starci con continuità e vogliamo essere ancora più competitivi”.

Sulla delusione: “Normale che ci sia delusione, tutti volevamo vincere e tenere aperto il discorso europeo, sia che fosse Champions League e sia che fosse Europa League. Domani i ragazzi riposeranno, da giovedì si lavorerà per crescere e tornare in Champions anche l’anno prossimo”.

Sul percorso: “È chiaro che il nostro percorso è cominciato due anni fa e ci sta portando in alto. Dobbiamo continuare ad avere quell’umiltà che ci permette di imparare dai nostri errori. Adesso dobbiamo concentrarci sul far tornare il Milan dove merita, c’è tanto lavoro da fare ma sono sicuro che i miei giocatori troveranno la forza per continuare a lavorare e fare bene”.

La Serie A è allenante per la Champions League? “Secondo me è allenante. Se abbiamo fatto una grande partita a Madrid non si può dire che non sia allenante. Oggi abbiamo fatto solo una buona partita, e in Champions una buona partita non è abbastanza per vincere. Ci siamo andati a confrontare con avversari che fanno la Champions da anni e l’hanno anche vinta. Siamo una squadra ancora tanto giovane in questa competizione, dobbiamo fare un percorso che ci aiuti a limare questa distanza. Contro squadre normali avrei voluto vedere come sarebbe andata a finire, invece è andata così. Perdere tutte le partite con un solo gol di scarto ci fa capire che la differenza non è così ampia, ora sta a noi cercare di colmarla”.