Pioli a MilanTv: "Udinese squadra che ci ha messo in difficoltà. Ora non pensiamo alla classifica"

19.01.2020 15:37 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Pioli a MilanTv: "Udinese squadra che ci ha messo in difficoltà. Ora non pensiamo alla classifica"

Intervenuto ai microfoni di MilanTv Stefano Pioli ha parlato del match con l'Udinese e delle sensazioni sulla partita. Queste le domande e le risposte.

Sulla partita e sulle sensazioni dopo il match.

E' stata una partita complicata. L'Udinese è la squadra che ci ha messo più in difficoltà dopo l'Atalanta. In casa ci ha creato grandi problemi, sopratutto hanno avuto la possibilità di far rifiatare alcuni giocatori in Coppa Italia mentre noi avevamo gli uomini contati. Il primo tempo siamo stati contratti e aver subito un gol in quel modo ha permesso all'Udinese di prendere fiducia. Abbiamo sofferto ma siamo riusciti grazie alla caparbietà e alla tenacia a regiare sia al gol del vantaggio che del pareggio. Abbiamo vinto una partita difficile e per questo molto importante.

Sono queste partite così emozionanti che fanno entrare il Milan nel cuore.

Sì sicuramente. A me piace la squadra, mi piace come si stanno comportando poi chiaramente è stata una partita di grande intensità. E' stata una partita difficile da vivere a bordo campo ma ho visto la giusta concentrazione nei ragazzi e quindi da questa partita ci saranno molti spunti interessanti. Abbiamo dimostrato di saper soffrire, sapere tenere duro e di fare tanti gol quindi queste consapevolezze ci devono accompagnare sin da subito.E' stata una settimana perfetta perchè non capita spesso di vincere tre partite ma da martedì dobbiamo già pensare alla prossima partita perchè se vogliamo fare qualcosa di meglio, e vogliamo, abbiamo un mese di Gennaio molto complicato dove possiamo dimostrarlo.

Sull'importanza di tanti giocatori diversi in gol.

Più scelte ho, meglio è per la squadra. E' importante avere in panchina giocatpri di qualità e di spessore che a livello psicologico stanno bene. Per quello la grande prestazione di mercoledì ha portato morale e a rigenerare giocatori che si sentivano un po' esclusi. Chi è entrato oggi ha fatto bene, ci ha dato tanto e avevo altri cambi da fare, quindi sicuramente altri giocatori possono darci tanto in futuro.

Sulla prestazione di grande maturità di Leao.

Sono d'accordo. Quando hai la disponibilità del giocatore di sacrificarsi e di spostare la sua posizione, è un fatto positivo. Leao è partito un po più largo, poi l'ho messo un po' più al centro a lavorare su Mandragora e l'ha fatto bene. Siamo stati equilibrati e anche aggressivi, questo è il calcio che mi piace. I giocatori credono in quello che facciamo. 

Sulla classifica più intrigante.

Sì è vero ma non bisogna dimenticarsi che nel girone d'andata abbiamo fatto 25 punti e di certo non vogliamo fare un girone di ritorno simile. Dobbiamo fare molto meglio e sfruttare questa positività. Abbiamo dimostrato di giocarcela con tutti, ora dobbiamo ottenere qualche vittoria con qualche big.