MN - Brocchi: "Maldini e Massara stanno ricreando la mentalità del nostro Milan. Tonali? Può alzare l'asticella"

28.09.2022 19:25 di Francesco Finulli   vedi letture
Fonte: dai nostri inviati Pietro Mazzara e Antonio Vitiello
MN - Brocchi: "Maldini e Massara stanno ricreando la mentalità del nostro Milan. Tonali? Può alzare l'asticella"

L'ex centrocampista e allenatore del Milan Cristian Brocchi è intervenuto a margine dell'anteprima Dazn del film "Stavamo bene insieme" che racconta l'epopea del Milan di Carlo Ancelotti. Queste le sue parole raccolte dagli inviati di MilanNews.it Antonio Vitiello e Pietro Mazzara.

Sul titolo del film: “Si è la frase che identifica ciò che eravamo noi. In quegli anni abbiamo vinto tutto quello che c'era da vincere perché alla base oltre a un aspetto tattico e tecnico c'era proprio questo, stare bene insieme: uno spirito incredibile e un’amicizia.

Sul percorso europeo del Milan: “Maldini e Massara stanno facendo un grandissimo lavoro con l’obiettivo di portare l’allenatore dei giocatori con caratteristiche di cui ha bisogno. Vanno avanti con la stessa mentalità e ricreare quelle similitudini con quell’epoca in cui noi riuscivamo a vincere. Bello anche da tifoso vedere come gioca il Milan e che ti dà l’idea di essere un bel gruppo”

Su Tonali: “Solo lui potrà dire dove può arrivare. Sicuramente ha dato una dimostrazione grande nella conquista dello scudetto di attaccamento alla maglia e di avere qualità giuste per essere leader di questa squadra. Un ragazzo così giovane che ha dimostrato di potersi prendere sulle spalle una squadra importante come il Milan. Adesso l’obiettivo più grande è rimanere su questi livelli e alzare sempre di più l’asticella.”

Su Calabria capitano: “Davide quando l’ho avuto in primavera devo essere sincero me ne parlava già anche Pippo: aveva qualcosa in più. Gli ultimi anni che ha fatto di percorso con noi lo hanno aiutato a diventare un po’ più europeo, con qualche visione di gioco diversa, con il fatto di capire il gioco in maniera diversa. Ha un’interpretazione del ruolo molto europea e sta facendo delle cose grandi: vederlo capitano del Milan è una soddisfazione grande per chi lo ha allenato”:

Su De Ketelaere: “C’è bisogno di tempo: non tutti sono pronti, specie quando sei giovane, a entrare e dare risposte importanti sulle aspettative che ci sono intorno a te. Non dimentichiamoci che quando metti dentro in una prima squadra un ragazzo giovane che nessuno conosce è un qualcosa di guadagnato: invece quando da un ragazzo giovane già ti aspetti qualcosa di più, hai bisogno per forza di dargli un minimo di tempo per inserirsi in un contesto diverso rispetto a quello a cui era abituato”.