TMW - Un anno di Piatek: la maledizione della 9 del Milan ha colpito ancora

23.01.2020 20:36 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
TMW - Un anno di Piatek: la maledizione della 9 del Milan ha colpito ancora

"AC Milan comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Genoa Cricket and Football Club il diritto alle prestazioni sportive di Krzysztof Piatek". Era il 23 gennaio del 2019 ed il Milan, sul proprio sito ufficiale, annunciava così l'arrivo in rossonero dell'attaccante polacco dal Genoa. Un colpaccio da 35 milioni che nelle idee milaniste avrebbe dovuto colmare il vuoto, fisico e realizzativo, lasciato dall'addio di Gonzalo Higuain (passato al Chelsea in quei giorni).

L'arrivo e le aspettative - Nelle ore precedenti il suo arrivo fra i tifosi del Milan, così come nello staff tecnico, c'erano grandi aspettative per un giocatore che al primo anno in Italia era riuscito a segnare 13 gol in 19 presenze con la maglia del Genoa. Dando l'impressione, a compagni e avversari, di essere un centravanti vero, con la C maiuscola. E in parte la seconda metà di stagione in rossonero confermò queste idee, con l'attaccante che mise a segno 9 reti nel girone di ritorno. 9 come il numero che avrebbe voluto indossare prima di scontrarsi con la volontà di Leonardo, contrario a questa idea visto che prima il polacco avrebbe dovuto dimostrare di essere da Milan. Da qui la scelta conseguente di vestire il 19.

La maledizione del 9 - L'addio del dirigente brasiliano tornato al PSG ha aperto le porte al sogno di Piatek di indossare la 9. Un sogno che è diventato ben presto incubo, o maledizione se preferite. Proprio quella che, in tempi diversi, ha certificato le sfortune dei vari Higuain, André Silva, Lapadula, Pato, Matri, Destro, Fernando Torres, e Luiz Adriano. Nel girone d'andata di questo campionato infatti il Pistolero infallibile dello scorso anno ha iniziato a sparare a salve, contribuendo alla causa con soli 4 gol. Da qui l'arrivo di Ibrahimovic e l'inserimento al suo fianco di Rafael Leao, col polacco rimasto ad infreddolirsi in panchina nelle ultime due gare. E la cessione, un anno esatto dopo il suo arrivo, è sempre più probabile anche se resta da capire dove: ad oggi la Premier sembra l'ipotesi più probabile, con Manchester United, Tottenham, Crystal Palace e Aston Villa che in momenti diversi si sono interessati. Anche se non alle cifre del Milan che per lasciar partire il suo 9 chiede fra i 28 ed i 30 milioni di euro. Tanto basta per non mettere a bilancio una minusvalenza.