Efficienza, sacrificio ma anche qualità: Saelemaekers è meritatamente un titolare del Milan

23.09.2021 16:00 di Pietro Andrigo Twitter:    vedi letture
Efficienza, sacrificio ma anche qualità: Saelemaekers è meritatamente un titolare del Milan
MilanNews.it
© foto di Image Sport

Ai tifosi di calcio superficiali e sempre più affamati di nomi da copertina, il profilo di Alexis Saelemaekers può non suscitare lo stesso entusiasmo di altri calciatori maggiormente pubblicizzati. Se, tuttavia, viene superato il primo approssimativo giudizio, è possibile scoprire nel calciatore belga non solo un giocatore di talento ma anche un incredibile lavoratore che ha saputo imporsi, in un anno e mezzo, in uno dei più gloriosi club al mondo. L’arrivo di Saelemakers a Milano, nel gennaio 2020, oltre ad essere accolto con scetticismo è stato accompagnato dalla naturale domanda sul chi fosse questo calciatore dai tratti adolescenziali sconosciuto non solo ai tifosi ma anche ad alcuni addetti ai lavori. La rete scouting rossonera, tuttavia, aveva piena consapevolezza dell’operazione intavolata con l’Anderlecht ma soprattutto dei margini di crescita del calciatore: a posteriori, senza dubbio, si può dare ragione a Moncada e la dirigenza milanista che in Saelemaekers trovano un perfetto testimonial della nuova filosofia rossonera.

CRESCITA COSTANTE - I primi mesi in rossonero e la scorsa annata sono stati degli importanti biglietti da visita di Saelemaekers che, in un anno e mezzo, ha saputo prendersi prima i propri spazi nelle rotazioni e poi la titolarità della fascia destra del Milan. Tutto quello che il belga ha raggiunto, lo ha guadagnato sul campo non solo grazie ad un’etica del lavoro da manuale ma anche grazie a prestazioni convincenti e contraddistinte da una clinica precisione nelle scelte di gioco. Saelemaekers, infatti, può essere definito un calciatore efficiente: il belga, infatti, non si avventura in giocate rischiose ma sa sempre scegliere l’opzione di passaggio migliore o l’idea tattica giusta che può comprendere anche il dribbling o lo scarico al compagno. In una squadra equilibrata e coesa come il Milan, in particolare, il lavoro di Saelemaekers rappresenta un aspetto fondamentale perchè garantisce un apporto costante sia al reparto difensivo che offensivo. Al grande spirito di sacrificio e alla sua intelligenza tattica, il belga poi aggiunge anche un’ottima qualità tecnica, cresciuta in questo anno e mezzo e che, nella partita con il Venezia di ieri sera, ha prodotto alcune giocate incredibili come i dribbling di pura tecnica e lo splendido assist a Theo. Queste caratteristiche, poi, fanno da premessa a margini di crescita importanti per il calciatore belga che, allenamento dopo allenamento, vuole dimostrare dove può arrivare individualmente e con la maglia del Milan.

TITOLARE - La titolarità è uno degli obbiettivi se non il principale target inseguito da un calciatore professionista: per raggiungerlo, oltre alle qualità tecniche, servono grande professionalità, forza mentale, umiltà e voglia di mettersi a disposizione della squadra. Tutte queste doti sono insite in Saelemakers che, per l’appunto, è diventato meritatamente il titolare della fascia destra del Milan. A riprova della giusta assegnazione al calciatore belga vi è la prestazione di ieri sera con il Venezia dove, da subentrato, ha dimostrato di quanto la squadra abbia bisogno del suo apporto sia sulla corsia esterna difensiva che nel reparto avanzato. L’inizio di stagione importante ora dovrà essere seguito da altre prestazioni convincenti e da qualche reti in più perché il belga non dovrà essere solo un fondamentale collante della squadra ma anche un’ulteriore risorsa in zona gol.