Il turnover di Pioli funziona. I ragazzi del 99 colpiscono ancora

29.10.2020 23:00 di Thomas Rolfi Twitter:    Vedi letture
© foto di PHOTOVIEWS
Il turnover di Pioli funziona. I ragazzi del 99 colpiscono ancora

Alla vigilia della partita, Pioli aveva sottolineato quanto non gradisse la definizione di turnover applicata al suo Milan perchè, secondo il tecnico, i giocatori che sarebbero poi scesi in campo contro lo Sparta Praga sarebbero stati all'altezza della situazione. E così è stato, nonostante i 5 cambi di formazione rispetto alla sfida con la Roma. Davanti ad un avversario non certamente irresistibile come i cechi, i rossoneri hanno controllato la partita senza particolari difficoltà. Nonostante il rigore sbagliato da Ibrahimovic e l'uscita all'intervallo del proprio leader, infatti, il Diavolo ha giocato in scioltezza e ha chiuso la gara senza subire nemmeno un tiro nello specchio della porta difesa da Tatarusanu. Unica nota stonata per il Milan, l'ennesimo rigore sbagliato da Ibra, protagonista però nell'assist per l'1-0 di Brahim Diaz e bravo a procurarsi il penalty. Lo svedese ha fallito il terzo rigore sugli ultimi cinque tirati, ma nel secondo tempo non ha fatto ritorno sul terreno di gioco. Come spiegato da Pioli nel post gara, la staffetta con Leao era già stata preannunciata.

I RAGAZZI DEL '99 COLPISCONO ANCORA - Avevamo scritto, dopo la vittoriosa trasferta dei rossoneri con il Celtic, dei 'ragazzi del 99' e anche in questa partita i giovani del Milan si sono ripetuti. In gol Brahim Diaz, che ha segnato già 3 reti in stagione, ma mai prima di stasera a San Siro. Buonissimo anche l'esordio in casa di Dalot, che nel secondo tempo fornisce a Leao (altro 21enne) uno splendido assist al bacio con l'esterno destro e poi finalizza a tu per tu con Heca dopo un lancio di 40 metri millimetrico da parte di Bennacer, il migliore in campo per distacco. In crescita anche Sandro Tonali, che ha disputato tutti i 90 minuti, ed è cresciuto alla distanza. Potrà rappresentare anche lui un'arma importante durante l'anno. Anche se togliere il posto a questo Bennacer e a questo Kessie appare impresa ardua. Dopo l'Udinese in campionato arriverà il Lille a Milano e la voglia di ipotecare il discorso qualificazione non mancherà a questo Milan post lockdown che appare insaziabile.