Maldini a Sky: "Romagnoli non contento ma siamo qui anche grazie a lui. Il riscatto di Tomori è alto ma vedremo. I tre rinnovi? Colloqui settimanali"

28.02.2021 20:25 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Maldini a Sky: "Romagnoli non contento ma siamo qui anche grazie a lui. Il riscatto di Tomori è alto ma vedremo. I tre rinnovi? Colloqui settimanali"

Paolo Maldini è stato intervistato da Sky Sport nel prepartita dell'Olimpico.

Su Tomori: "Ho la fortuna di lavorare in un club che quando chiama, chiama. Quando chiama il Milan fa un effetto su diversi giocatori, anche se non vinciamo la Champions da 14 anni. Fikayo ha caratteristiche particolari, di intensità, di velocità. Secondo noi era un possibile rinforzo per questo finale di stagione".

Su Romagnoli: "Sicuramente non è contento, questo è normale. C'è stata rotazione per tutti. Se il Milan ha 17 punti in più rispetto all'anno scorso, lo dobbiamo a chi ha giocato fin qui tutte le partite e Alessio è uno di questi".

Su Ibrahimovic: "Tutti si aspettano una grande partita da lui, non credo che si faccia influenzare da una settimana particolare, che sia una settimana particolare è chiaro e non lo nascondiamo".

Su un possibile discorso alla squadra: "Ho pensato se parlare alla squadra, poi mi sono chiesto cosa potessi chiedere di più a questi ragazzi. L'anno scorso la crescita è stata esponenziale, non siamo Bayern e City ma siamo molto meglio di quanto ci si potesse aspettare ad inizio stagione. L'energia è cambiata, hanno tirato la carretta per 13 mesi, è abbastanza fisiologico. Al di là di qualche dialogo con qualche giocatore non c'è stato bisogno di parlare alla squadra".

Sull'eventuale riscatto di Tomori: "C'è un diritto di riscatto, è molto alto, sarà una valutazione da qui a fine stagione se esercitarlo o meno. E' una situazione abbastanza chiara".

Sui rinnovi: "Con i tre in scadenza, ci aggiungo anche Zlatan, abbiamo colloqui settimanali, non ci sono in questo momento grandi novità da raccontarvi".

Su Ibrahimovic a Sanremo: "So che è un grande professionista, l'anno scorso abbiamo tardato nel rinnovarlo, c'era una situazione particolare all'interno del club, e lui aveva già preso un impegno. Lui non ci ha detto che impegno, poi abbiamo scoperto che era Sanremo. Siamo assolutamente in grado di gestire questa situazione, siamo un club serio e lui un professionista serio".