Milan, mancano gli assist: solo Theo e Castillejo hanno servito più di un passaggio vincente

28.03.2020 21:00 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Milan, mancano gli assist: solo Theo e Castillejo hanno servito più di un passaggio vincente

Nell’analisi di un problema che persiste bisogna sempre cercare di andare in fondo alla questione e capire quali ragioni l’hanno causato. In questo senso la stagione rossonera ha presentato diverse problematiche tra cui una scarsa incisività in zona gol. Nell’analisi di questa carenza, le cause vanno individuate in diversi fattori: in primo luogo uno scarso rendimento da parte degli attaccanti rossoneri, in secondo luogo i pochi assist confezionati dal centrocampo rossonero e infine i tanti legni colpiti (ben 13, che rendono il Milan la seconda squadra in questa statistica). Il secondo punto, in particolare, è una ragione decisiva in questo costante problema rossonero.

LE ALTRE SQUADRE - Per capire la natura del problema in casa Milan è giusto, in questo senso, guardare anche ai dati e ai giocatori delle altre squadre. In questo senso, guardando alle squadre che hanno segnato di più in questa stagione oltre al grande rendimento dei loro attaccanti c’è la decisiva assistenza dei centrocampisti. In questa graduatoria, in questo senso,  guida Luis Alberto della Lazio con 12 assist seguito poi da Pellegrini e Gomez a 8.  Successivamente figura il capocannoniere della Serie A, Immobile fermo  a 7 oltre a Bentancur e Callejon a quota 6. Tanti, invece, i giocatori arrivati a cinque assist come Candreva, Zapata, Tonali, Dybala e Milinkovic. Del Milan, invece, non c’è traccia.

SOLO THEO E SAMU - Nella speciale classifica dei migliori assist-man del campionato bisogna consultare tanti nomi prima di arrivare a qualche giocatore rossonero. I primi e unici calciatori del Milan ad aver servito più di un assist vincente sono Castillejo e Theo Hernandez, fermi entrambi a quota 2. I due giocatori spagnoli, tra l’altro, figurano senza dubbio tra i giocatori più incisivi e pericolosi del Milan e questo dato, inequivocabilmente, ne è una conferma. Per risolvere il problema in zona goal, quindi, il Milan ha certamente bisogno di un attaccante costante ma anche di scudieri capaci di assisterlo.