Milan, probabile formazione: Suso nel sistema, prima i collaudati

24.08.2019 19:37 di Luca Vendrame   Vedi letture
© foto di Image Sport
Milan, probabile formazione: Suso nel sistema, prima i collaudati

Il Milan si appresta a dare il via alla propria stagione affrontando domani l’Udinese al Friuli. Per il nuovo corso rossonero, infatti, sarà la prima partita ufficiale dopo un’estate di test promettenti i cui pregi dovranno essere esaltati e i cui difetti andranno prima nascosti, per poi provare a limitarli e a correggerli. Proprio per questo Marco Giampaolo si affiderà ai giocatori che stanno meglio e che gli danno più garanzie, come ha espressamente detto in conferenza stampa, aggiungendo che gli ultimi arrivati siano in ritardo di condizione. Sarà dunque un Milan che molto probabilmente nell’undici titolare non differirà granché dagli uomini della scorsa stagione, ciò che cambierà sarà sicuramente l’assetto tattico e l’identità di squadra.

DIFESA CONFERMATA – Privato della parvenza del ballotaggio con Pepe Reina (indisposto), sarà Gigio Donnarumma a partire titolare. Davanti a lui, Ricardo Rodriguez a sinistra e Calabria a destra. La coppia centrale sarà composta dal collaudato duo Romagnoli-Musacchio, in attesa di vedere come e se Leo Duarte si integrerà negli schemi di mister Giampaolo.

ESPERIMENTO TURCO – A centrocampo il rientro ai box di Lucas Biglia ha costretto Marco Giampaolo a virare sulla soluzione di Calhanoglu quale regista davanti alla difesa, con Paquetà alla sua sinistra e Fabio Borini quale mezzala destra, a conferma che la conoscenza degli schemi e l’immersione tattica siano i primi requisiti richiesti dal mister rossonero, prima ancora della qualità tecnica individuale.

SUSO NEL SISTEMA – La scelta del trequartista è la più semplice: le parole al miele rivolte a Suso durante tutta l’estate e la continua titolarità nei test di precampionato sulla trequarti campo spingono per il numero 8 titolare dietro le due punte Piatek (alla ricerca del gol da quando indossa il numero 9) e Samu Castillejo, che qualitativamente offre un repertorio più limitato rispetto a Rafael Leao, ma che dal punto di vista dei movimenti e delle letture di gioco è più avanti della stellina portoghese.

Milan (4-3-1-2): G. Donnarumma; Rodriguez, Romagnoli, Musacchio, Calabria; Paquetà, Calhanoglu, Borini; Suso; Piatek, Castillejo