Si avvicina la prima da titolare per Rebic: in attesa del mercato serve una svolta anche dal croato

13.11.2019 20:30 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Si avvicina la prima da titolare per Rebic: in attesa del mercato serve una svolta anche dal croato

Ante Rebic, mai titolare da quando è al Milan, ha disputato solo cinque minuti (più recupero) all'Allianz Stadium. Troppo breve la partita del croato a Torino per poter dare un giudizio preciso, così com'è troppo breve il computo del suo minutaggio in rossonero: il croato ha collezionato soltanto 132 minuti in sei presenze, mentre all'Eintracht, tra luglio e agosto, ne aveva accumulati 377 in altrettante partite.

OCCASIONE - Contro il Napoli, con Calhanoglu squalificato e Castillejo ancora infortunato, potrebbe arrivare la prima opportunità da titolare per il classe '93. Impossibile lasciarsi andare a previsioni di formazione a dieci giorni dalla sfida di San Siro, ma la logica suggerirebbe un suo probabile inserimento nell'undici iniziale. Ad oggi, in tutta franchezza, è molto difficile promuovere l'operazione di mercato effettuata dal Milan: al Diavolo serviva (e serve) un giocatore in grado di spaccare la partita, segnare ed accrescere il killer instinct; e Rebic, per ora, non ha portato alcunché.

SPERANZA - Con un Milan tredicesimo è normale che ora si parli di calciomercato, dove obbligatoriamente la dirigenza dovrà sistemare una rosa evidentemente sovrastimata. Da qui alla riapertura delle liste i rossoneri dovranno giocare cinque partite, con Milan-Atalanta che si giocherà poco dopo l'inizio ufficiale del mercato: cinque/sei gare da disputare con l'attuale rosa, cinque gare dove il Diavolo dovrà accaparrarsi più punti possibili se vorrà sperare di rientrare, almeno, per la corsa all'Europa League. La prima di queste partite sarà contro il Napoli e Rebic dovrebbe essere in campo: forse il croato non trasformerà il ferro in oro, ma se migliorasse il suo rendimento potrebbe rivelarsi quantomeno utile. E di questi tempi, in casa rossonera, non è certamente una cosa da poco.