Stesso modulo, ma con interpreti diversi: Pioli riparte dalle certezze (senza Ibrahimovic)

28.05.2020 14:01 di Salvatore Trovato   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Stesso modulo, ma con interpreti diversi: Pioli riparte dalle certezze (senza Ibrahimovic)

Stefano Pioli riparte dalle "certezze", provando a limitare i danni che l’assenza di Zlatan Ibrahimovic inevitabilmente creerà. L’infortunio di Ibra ha complicato ancora di più i piani del tecnico rossonero, il quale, come riporta Tuttosport, dovrebbe affidarsi al vecchio 4-3-3 (questione di certezze, dicevamo).

SCELTE (QUASI) FATTE - In difesa e in attacco le scelte sono decisamente più semplici. Gigio Donnarumma è un titolarissimo, così come appaiono intoccabili Romagnoli, Kjaer e Theo Hernandez. Sulla corsia di destra, invece, Calabria e Conti si giocheranno di volta in volta una maglia. Senza Ibrahimovic, sono soltanto tre gli attaccanti a disposizione di Pioli: nel tridente agiranno Castillejo, Rebic e Leao, con il giovane Rafael chiamato a sostituire (e a non far rimpiangere) il collega svedese.

TANTI DUBBI - Il centrocampo è il reparto più ricco di dubbi e incertezze. L’impressione è che il terzetto prescelto potrebbe essere quello composto da Bonaventura, Bennacer e Calhanoglu. Una mediana piuttosto offensiva e poco di contrasto. Il problema è che Kessié non ha ancora ripreso a lavorare con i compagni (è rientrato in ritardo ed è ancora in quarantena), mentre Krunic non ha mai convinto del tutto: entrambi, dunque, al momento partono dalle retrovie.