Suso, Pioli e il deja vu: lo spagnolo resta intoccabile

09.10.2019 19:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Suso, Pioli e il deja vu: lo spagnolo resta intoccabile

"Suso è un giocatore di qualità indiscutibile, bisogna fargli giocare tanti uno contro uno. Può fare molto bene". Un deja vu, o meglio un leitmotiv, a tinte rossonere. Stefano Pioli, nel primo giorno da tecnico milanista, si è espresso in questo modo sull'attaccante spagnolo, anticipandone la centralità nella sua gestione. Parole che suonano molto simili a quelle pronunciate dal suo predecessore, Marco Giampaolo, il quale tentò l'ardua impresa di adattare Suso come trequartista. Un equivoco tattico che è costato tanto, anzi tantissimo, all'allenatore abruzzese, costretto a fare dietrofront a campionato già iniziato, precisamente dopo la prima sconfitta ad Udine. Una decisione che ha impattato sull'incertezza che ha investito il Milan in questi mesi, fino all'esonero di ieri.

INTOCCABILE - Pioli, come Giampaolo, Gattuso e Montella prima di lui, punterà forte su Suso, il quale sarà probabilmente, e da subito, utilizzato nel suo ruolo naturale, quello di esterno offensivo di destra. Una scelta semplice da prevedere ed anche parzialmente obbligata: con il 4-3-3 non esistono reali alternative all'andaluso se non il connazionale Castillejo, inoltre le scelte di mercato estive non hanno impreziosito il reparto offensivo di una seconda punta che possa fare realmente da raccordo. Lucas Paquetà, forse uno dei pochi che potrebbe portare ad una modifica tattica dello schieramento rossonero, viene ritenuto mezz'ala anche dall'allenatore emiliano: una posizione chiara ed uniforme a quella dei suoi predecessori che difficilmente verrà cambiata.

I LIMITI DI MODULO E ROSA - Il rapporto tra Suso e la tifoseria rossonera non sta vivendo uno dei momenti migliori. I sostenitori milanisti vedono il Diavolo imbrigliato nella "dittatura" tattica del 4-3-3, senza che il Milan disponga di una batteria di esterni congrua a questo modulo. Sono anni che tale sistema di gioco viene costantemente riproposto con al massimo 2/3 interpreti che si danno il cambio, dove l'unico che ha portato qualcosa di diverso è stato probabilmente Deulofeu. La colpa però non è di Suso, ma delle varie dirigenze che, pur conoscendo le caratteristiche dello spagnolo, hanno costruito reparti offensivi senza tenere conto di questo aspetto. Ora Pioli proverà a sfruttare al meglio il materiale a disposizione, nella speranza che lo spagnolo (e il Milan con lui) torni a reinnescarsi in un modello di calcio a lui più consono.