Tuttosport - Milan, in partenza l'ultimo treno. Pioli chiede orgoglio ai suoi

20.05.2023 08:00 di Francesco Finulli   vedi letture
Tuttosport - Milan, in partenza l'ultimo treno. Pioli chiede orgoglio ai suoi
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Ripartenza. Questa è la parola che viene accostata maggiormente al Milan negli ultimi giorni ed è un po' paradossale perché mancano appena tre partite al termine della stagione. Eppure dopo l'eliminazione in semifinale di Champions contro l'Inter e un posto nella massima competizione da conquistare per l'anno prossimo, la sensazione che si ha è proprio questa: non è (ancora) troppo tardi per rimettersi sui giusti binari anche se i treni stanno per finire.

Ultimo treno

Come scrive questa mattina Tuttosport la partita che questa sera il Milan giocherà contro la Sampdoria sa proprio di ultima occasione per agguantare l'Europa che conta e non rendere questa stagione un'annata da dimenticare. I rossoneri nelle prossime due settimane avranno tutta una serie di ultimi e treni e dovranno essere bravi a salire a bordo. Stefano Pioli in conferenza stampa si è per questo motivo appellato all'orgoglio dei suoi calciatori, che proprio in queste occasioni deve emergere: "Dobbiamo giocare da Milan per vincere le ultime tre partite. La delusione è stata tanta, ma tutte le lacrime le abbiamo buttate fuori. La Sampdoria? Sta giocando con grandissima dignità e orgoglio. Se loro giocano con passione e orgoglio, noi cosa dobbiamo fare?!".

Tabù

La partita di questa sera contro la Sampdoria già retrocessa (calcio di inizio alle ore 20.45 a San Siro) sarà la prova anche per provare a sfatare un mito. In questa stagione i rossoneri hanno perso una valanga di punti contro squadre piazzate dall'ottavo posto in giù: ben 29 totali. Le prestazioni contro le squadre piccole sono quelle che, anche più dei big match, ti aiutano nel corso delle stagioni dandoti continuità e ritmo: al Milan sono totalmente mancate. Da sfatare anche l'astinenza dal gol e anche qui Pioli ha detto la sua: "Quello del gol è stato il nostro difetto più importante. Abbiamo segnato troppi pochi gol tenendo conto di quanto creato, in alcune situazioni non siamo stati all’altezza". Per questo motivo il tecnico rossonero si affida a chi maggiormente può prendere per mano il Diavolo: Leao e Giroud su tutti. Il Milan non può davvero più sbagliare sennò la Champions League tornerà a essere un ricordo.