LIVE MN - Raduno 2017, Fassone: "Top player? Valutiamo fra tanti rinforzi o un solo grande nome. Gigio tornerà vicino ai tifosi"

 di Daniele Castagna Twitter:   articolo letto 162176 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
LIVE MN - Raduno 2017, Fassone: "Top player? Valutiamo fra tanti rinforzi o un solo grande nome. Gigio tornerà vicino ai tifosi"

Termina qui la prima conferenza stampa stagionale. 

Sull'accordo di rifinanziamento del debito: "Abbiamo un debito a 18 mesi che scade ad ottobre 2018. Non è una priorità da affrontare adesso. Ho fatto dei giri di contatti preliminari ma non è una questione da risolvere domattina, per intenderci". 

Ancora sul budget per il mercato: "Non ho ancora le idee chiarissime su come spenderlo, ne discuterò con Mirabelli e Montella, ma conosco bene la cifra". 

Nuovamente sulla campagna abbonamenti: "Non più di 15 giorni alla partenza. Non avremo slongan o messaggi particolari. Vogliamo portare più gente possibile allo stadio, vogliamo i tifosi vicini e sappiamo che sarà un'impresa tornare a vincere subito. La loro spinta sarà una mano per la nostra stagione". 

Lo scetticismo pre closing: "Posso anche capirlo, ma ci sta. Negli 8 mesi che hanno preceduto la firma abbiamo sempre cercato di lavorare senza farci vedere troppo, oggi tutti hanno sotto gli occhi il frutto del nostro lavoro. Gli scettici di ieri oggi lo sono un po' meno e condividono il nostro lavoro". 

La scelta di Donnarumma sulla maturità: "Quando lo vedrò lo sgriderò (ride, ndr). Tornando seri, questa estate deve averlo provato molto ma sono certo che passerà la maturità la prossima estate". 

Il rapporto tra Donnarumma e i tifosi: "Non ho nulla da dire sulla precedente gestione, hanno cercato di fare il meglio. Qualora la storia dovesse avere un liete fine, basterà solo una parata per riaccendere l'amore e il rapporto tra i nostri tifosi e un campione come Donnarumma. Anche perchè la gente sa e non sa, dunque sono convinto che dopo il termine della vicenda Gigio sarà ancora Gigio". 

L'orgoglio di costruire una nuova squadra: "Stiamo facendo il nostro lavoro con entusiasmo e coinvolgimento totale. Sentiamo forte la responsabilità ma anche l'orgoglio di essere il Milan. I risultati li scopriremo solo tra qualche mese". 

Il rinnovo di Donnarumma può ancora saltare? "Qualche giorno fa c'è stata una fuga un po' troppo in avanti sui media, quando sembrava tutto fatto. La situazione è quella della mia risposta di prima, con il finale ancora da scrivere. Il ragazzo ha la nostra proposta tra le mani, aspettiamo una risposta buona o non nei prossimi giorni". 

La situazione Conti: "Potrebbero essere i giorni decisivi. L'Atalanta ha il nostro totale rispetto nel prendere decisioni, mi sento regolarmente con Percassi ma vogliamo lasciare alla Dea tutto il tempo per fare le proprie riflessioni". 

L'importanza della Champions League: "Sarebbe molto importante. È una delle cose che ci hanno chiesto. La UEFA ci ha fatto questo assist con il quarto posto e cercheremo di raggiungerlo. Non dovessimo farcela, io ho già previsto un paracadute. Ma la nostra volontà è di centrarlo alla prima stagione". 

Un mercato di proprietà, non più prestiti: "Voglio sottolineare questa cosa. Prendere un giocatore in maniera definitiva arricchisce l'asset patrimoniale e finanziario della società". 

I rapporti con Raiola: "Mino fa il suo lavoro. È un agente che cerca di ottimizzare il guadagno al massimo, per lui e il suo assistito. Normale che spinga per avere certe richieste economiche, ma per noi sono irraggiungibili"

Il piano verso lo Scudetto: "L'obiettivo sportivo che ci è stato dato è quello di tornare velocemente competitivi. Ma siamo uomini di calcio, sappiamo bene che ci vuole cambiamento e tempo per assimilarlo. Il distacco degli ultimi anni è significativo, basta solo contare i punti, dunque non mi porrei una scadenza temporale. Cerchiamo di fare il massimo. Logico che prima arriva e meglio è". 

Sull'aumento di capitale: "Il 7 luglio sarà la data del versamento e consisterà in una cifra vicina ai 20 milioni".

L'arrivo di un top player: "A fine settimana valuteremo il budget a disposizione al netto di un'ultima entrata che aspettiamo ed eventuali uscite. Poi studieremo se suddividere questi soldi su più ruoli o tutto per un singolo": 

Sulla situazione della campagna abbonamenti: "Percepisco la voglia e la disponibilità dei tifosi rossoneri. Ho avuti segnali importanti, so che oggi a Milanello ci sarà tanta gente. Per questo e per altri motivi, abbiamo scelto di mantenere i prezzi dei biglietti uguali, senza variazione. Mi piacerebbe avere una risposta importante, non altissima come negli anni dei trionfi, ma un numero consistente e significativo". 

Il mercato degli esterni offensivi: "Non credo che questa domanda tecnica sia per me, è molto di campo quindi vorrei lasciarla a Montella e Mirabelli (ride, ndr)". 

Su Donnarumma: "Quello che accadrà è ancora avvolto dalla nebbia. Mentre su quello che è successo fino ad oggi sono sempre stato molto chiaro. Dopo il primo no, c'è stata una riapertura, più chiacchierate e una nuova offerta riformulata all'entourage. Ci sono ancora aspetti da limare ma credo che questa possibilità possa piacere a tutti. Gigio è convocato per l'11 luglio dunque ci aspettiamo una risposta in tempi rapidi. Anche perchè non ci sono più elementi che potrebbero rallentare la situazione. Mi aspetto una risposta nel giro di pochi giorni". 

La situazione economica della società: "Le operazioni di mercato sono state importanti a livello di budget ma già avevo rilasciato dichiarazioni sulla portata di questi investimenti. Avevamo valutato come fosse opportuno lavorare in maniera approfondita sulla rosa. Tutti questi esborsi sono assolutamente coperti dai bond emessi. Che tutti stiano tranquilli, la finanza societaria è sotto controllo e c'è ancora budget per i prossimi mesi". 

Le prime parole dell'amministratore delegato del Milan: "Questo 5 luglio è una data importante, inizia oggi una nuova avventura del Milan. Sono passati circa 80 giorni dal nostro insediamento e ai 100 faremo dei primi bilanci. Vedendo la storia del Milan, ci si rende conto di quanto pesi questa eredità. C'è riconoscenza verso chi ha saputo costruire un club così vincente. In questi mesi ci siamo concentrati e siamo soddisfatti, partendo dal miglioramento della rosa. Siamo stati coerenti con le nostre promesse, parte del lavoro è completato ma manca ancora un terzo. Abbiamo inserito qualità nella rosa. Ma non c'è solo il mercato, esiste una serie di mansioni meno pubbliche come i nuovi manager della società, figure completate con professionisti di alto livello. Poi stiamo proseguendo il lavoro quotidiano per far partire la macchina cinese, credo inizierà a giorni Milan China. Sarà un gruppo di colleghi cinesi, un pilastro sul quale si baserà la credibilità del club. Sono soddisfatto del lavoro svolto". 

Amici di MilanNews.it, benvenuti alla sala conferenze di Casa Milan. Tra pochi minuti, Marco Fassone presenzierà in conferenza stampa al fianco di Massiliano Mirabelli e Vincenzo Montella. Mercato, moduli di gioco, rinnovi, cessioni, acquisti e progetti per il futuro, tutte domande alle quali l'ad rossonero risponderà nei prossimi minuti. Non vi resta che vivere la conferenza con noi, tutta live su MilanNews.it