ESCLUSIVA MN - M. Colombo: "Ho perplessità su Rangnick. Gigio vuol rinnovare. Ibra? Dubito resti"

23.05.2020 17:00 di Thomas Rolfi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA MN - M. Colombo: "Ho perplessità su Rangnick. Gigio vuol rinnovare. Ibra? Dubito resti"

La redazione di MilanNews.it ha contattato la giornalista Monica Colombo. Con la firma del Corriere della Sera abbiamo parlato del Milan che verrà: da Rangnick a Ibra, passando per il rinnovo di Gigio Donnarumma.

Il futuro di Pioli sembra ormai segnato, con Rangnick che arriverà alla guida dei rossoneri nella prossima stagione: l'attuale tecnico ha davvero zero chance di conferma?
"Pioli si sta comportando come un signore. Non so quante altre persone al suo posto sarebbero riuscite a mantenere l'aplomb mentre fuori impazza la bufera. Detto questo, tra mezze frasi e ammissioni, su Rangnick mi sembra che ci siamo spinti abbastanza avanti. Sarei molto sorpresa se rimanesse Pioli anche nella prossima stagione".

Rangnick arriverebbe al Milan con il doppio ruolo di allenatore e direttore tecnico?
"Mi sembra di capire che il tedesco al Milan vorrebbe un ruolo a 360 gradi, tra allenatore e direttore tecnico. L'unica osservazione che mi permetto di fare è: Rangnick ha 61 anni, se veramente è questo mago della panchina o dello sviluppo di giovani, come mai non è al centro di interessi internazionali? E' vero che ha avuto un suo percorso, ma non se ne è mai parlato come un fenomeno. Credo che qualche elemento italiano servirà, perchè ripartire da zero con l'ennesimo progetto e con figure interamente straniere mi sembra arduo. Staremo a vedere quello che decideranno Elliott e Gazidis".

Si fanno tanti nomi di giocatori per il Milan del futuro: di questi chi è più vicino a vestire in rossonero?
"Il mercato dovrebbe cominciare al 1 di settembre, quindi mi sembrano discorsi prematuri. Soprattutto alla luce di un'altra questione, ovvero chi del club si sta muovendo sul mercato: Maldini, che è sotto contratto, Moncada e Almstaadt o Rangnick a fari spenti? In più secondo me molte delle mosse del Milan dipenderanno anche da come terminerà questa stagione: se si tornerà a giocare e se il Milan andrà in Europa League o meno".

Al termine della stagione Ibra andrà via o rinnoverà per un altro anno con il Milan?
"Ibra non ha più il suo punto di riferimento al Milan, che era Boban, e forse nemmeno avrà più Maldini. Nel progetto che dovrebbe essere affidato a Rangnick, fatto di giovani e giocatori emergenti con un calcio veloce in stile Ajax, Ibrahimovic mi sembra che c'entri poco. Detto questo, prima di prendere una decisione definitiva, credo che il passaggio dell'incontro con Gazidis sia fondamentale. E' difficile essere nella testa di Zlatan, perchè tante volte le sue scelte ci hanno sorpreso. L'attaccamento a questa città e a questa squadra li ha dimostrati, anche se i suoi post sono sempre sibillini. Io, personalmente, non ce lo vedo tanto nel Milan del futuro".

E Donnarumma, invece, prolungherà il contratto in scadenza nel 2021?
"Gigio ha sempre dimostrato in tutti questi anni di voler mettere il Milan al primo posto. Il Milan, del resto, troverebbe in lui uno dei profili di giocatore su cui intende puntare, giovane e ideale come testimonial del progetto. Certo, c'è da aggiustare la parte economica dell'eventuale rinnovo, che con Raiola non sarà mai semplice. Qui, però, partiamo da una base totalmente diversa. Credo che la volontà del ragazzo risulterà decisiva. Non so quanto lui potrà rinunciare come cifra e quanto il Milan per lui potrà fare un'eccezione. Di certo non sarà una trattativa semplice. Ad oggi non è stato compiuto nessun passo in avanti, però lui mi pare che Gigio abbia sempre dimostrato di voler rimanere. Di conseguenza, anche quando arrivavano da Parigi proposte di ingaggio faraoniche, ha sempre rifiutato. Credo che la sua volontà inciderà nella trattativa con il Milan".