Moncada racconta: "Ecco cosa mi aspetto dai nostri osservatori"

23.09.2020 16:12 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Moncada racconta: "Ecco cosa mi aspetto dai nostri osservatori"

Intervistato da The Athletic, Geoffrey Moncada, capo degli osservatori del Milan, ha parlato così del lavoro degli scout rossoneri: "Noi osservatori dobbiamo capire le possibilità di miglioramento di un giocatore. Se un giocatore di 20 anni ha una partita pessima, ottiene un quattro in pagella, ma se ha un grande potenziale questo è più importante per me. Mi piace quando uno scout la guarda in quel modo e mi dice: 'Guarda, oggi non ha giocato una bella partita, ma è dotato'. Continuiamo a seguirlo e lo guardiamo di nuovo. Non ho bisogno di uno scout che vada solo alle partite. Ho bisogno di qualcuno che guardi gli allenamenti, che parli con i genitori e i direttori dell'accademia. È troppo facile andare a vedere una partita, scrivere una relazione e farla finita. Possiamo farlo dall'ufficio. Dobbiamo avere tutte le informazioni: la situazione del contratto, com'è la famiglia, i piccoli dettagli fanno la differenza. Le relazioni umane fanno la differenza. Alla fine abbiamo un rapporto completo con tutte le informazioni e le statistiche".