Biasin: "Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo"

19.11.2019 21:12 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Fabrizio Biasin per TMW
© foto di Federico De Luca
Biasin: "Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo"

Parliamo di Ibra. Ibra “ci farà sapere”. Il Bologna insiste, il Milan non si capisce, lui temporeggia in attesa dell’offerta migliore. Giocare per Mihajlovic lo stuzzica, la moglie preferirebbe Milano. Insistiamo: il Diavolo faccia uno sforzo se vuole dare un senso alla stagione, un po' di entusiasmo alla piazza e, in contemporanea, se vuole provare ad aumentare il valore di giocatori che al momento stanno decisamente rendendo sotto il minimo sindacale.
Parliamo di Paquetà. Il ct del Brasile Tite lo difende "E' un grande giocatore". Lo pensano in molti, persino noi. C’è solo un problema: deve dimostrarlo. A un anno dal suo sbarco a Milano è ora che si metta in mostra: il fatto che i rossoneri siano in difficoltà non dev’essere una scusa (“va tutto male quindi pure io”) ma una motivazione in più (“ci penso io”), altrimenti le parole di Tito avranno il valore di Renato: Zero.
Parliamo di Piatek. Piatek fissa la cifra: "Cambierò squadra quando varrò 70 mln". Noialtri continuiamo a credere che il polacco sia un ottimo attaccante, ma certe uscite ci ispirano solo una risposta: Krzysztof, magna sereno.