Lo strano caso di Andre Silva: devastante nelle partenze, scompare alla distanza

04.06.2020 16:36 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Michele Pavese per TMW
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Lo strano caso di Andre Silva: devastante nelle partenze, scompare alla distanza

Se fosse un pilota di Formula 1, André Silva sarebbe certamente uno di quelli più bravi nelle partenze. La sua capacità di trovare subito la condizione migliore e di incidere nelle prime giornate è nota sin dai tempi del Porto: nella stagione 2015-16, quando giocava con la seconda squadra dei Dragões, il centravanti classe 1995 realizzò 8 gol nelle prime 8 partite. Andò benissimo anche in prima squadra un anno più tardi: sette reti in otto giornate, alla fine furono 16 in campionato. 

Scarico all'arrivo - Con il Milan, nel 2017-18, l'impatto è stato più complicato: i primi - e unici - gol in Serie A sono arrivati a marzo, ma in Europa League Silva ha timbrato 6 volte nel girone, trascinando i rossoneri ai sedicesimi. Il resto è storia recente: il prestito al Siviglia, dove comincia alla grande segnando una tripletta all'esordio in Liga, contro il Rayo Vallecano, e sette reti nelle prime sette giornate; poi l'approdo in Germania e un altro avvio folgorante: tre reti consecutive, dal secondo al quarto turno. Adesso altre quattro in cinque partite disputate dal rientro in campo dopo la lunga sosta forzata. Il problema, però, è sempre "l'arrivo"; restando in ambito automobilistico, chissà se stavolta riuscirà a raggiungere il traguardo preservando le gomme.