Milan, la fiducia di Gazidis. Dagli Usa: bomba su Ibra

08.11.2019 08:12 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Milan, la fiducia di Gazidis. Dagli Usa: bomba su Ibra

"Siamo un team giovane che sta crescendo. Tutte queste partite sono opportunità per crescere e migliorare”. E’ quanto dichiarato ieri dall’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis, alla presentazione del libro sui 120 anni del club, sulla prossima partita di campionato contro la capolista. Sfidare la Juventus è quasi proibitivo, considerando le otto sconfitte di file allo Stadium, ma secondo Gazidis il Milan farà disputerà una grande prova: “Il risultato non è stato ottimale con la Lazio, è stato un risultato che non ci ha soddisfatto ma dalla buona prestazione si riparte e costruisce. Il nostro focus è sulla crescita dei giocatori. Su come possono crescere. Questa domenica abbiamo una grande opportunità nel giocare con una grande squadra in una grande atmosfera. Dobbiamo vederla come un’opportunità giocare in questi contesti. Vogliamo di più queste opportunità. Vogliamo tornare a giocare in contesti europei”, ha confessato il dirigente milanista in vista del big match contro la Vecchia Signora.

“Abbiamo parlato della storia de club. Dobbiamo creare anche noi storia. Il nostro team di lavoro è assolutamente concentrato per tornare in questa direzione. Ci saranno alti e bassi ma questa è la direzione chiara verso cui stiamo andando. Partite come queste sono opportunità per i nostri giocatori. I nostri giocatori sono giovani ma hanno grandi motivazioni, hanno desiderio di imparare, hanno fame di crescere. Hanno uno spirito che è meritevole di questo club. Sono convinto che giocheranno bene questo weekend”.

Intanto ieri sera è arrivata una importante indiscrezione di mercato dagli USA. Il proprietario della MLS, Don Garber, ha involontariamente svelato il futuro di Zlatan Ibrahimovic ai microfoni di Espn: “Ibrahimovic ha 38 anni e ora è stato preso dal Milan, uno dei club più importanti al mondo”, ha detto il  commissioner della Major League Soccer. Nei prossimi giorni lo svedese dovrebbe svelare il proprio futuro, e il suo desiderio è tornare a giocare in Europa.