Pagni: "Milan, con 5 punti in sei partite non vai in Champions"

21.04.2019 00:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Luca Pagni per bollettinomilan.wordpress.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Pagni: "Milan, con 5 punti in sei partite non vai in Champions"

Nel calcio, come ha appena dimostrato la Juventus in Champions, vincere è soprattutto un fatto di mentalità. Non sono solo i soldi o avere in squadra un Pallone d’oro: come ha detto a suo tempo Johan Cryuiff “non ho mai visto un pacco di banconote fare gol”.                                                                   Cosa c’entra tutto questo con il deludente pareggio strappato dal Milan a Parma? C’entra, perchè ancora una volta il Milan nel suo complesso, giocatori e allenatore, hanno dimostrato di non avere quella mentalità che altrimenti avrebbe già consentito loro di essere in una posizione di vantaggio per la conquista del quarto posto. Lo hanno dimostrato i giocatori con l’atteggiamento del primo tempo e Gennaro Gattuso una volta passato in vantaggio. Vediamo perchè.                                                                                                                                                                                                                      Ancora una volta, il Milan è partito con il freno a mano tirato. E’ vero che nel secondo tempo il Parma è praticamente scomparso dal campo, ma nel primo ha avuto quattro nitide palle gol, ha corso, pressato e costruito gioco. Al contrario del Milan che è sembrato molle e lentissimo. Non è così che deve giocare chi vuole tornare in Champions: inizia la partita e almeno per il primo quarto d’ora mette sotto l’avversario per cercare subito il gol. Dopo, semmai, rallenta. L’Inter, nel bene e nel male, ha un’altra mentalità, come ha dimostrato nel derby: segno evidente che giocare in Champions aiuta a crescere.                                                                                                                                                                                                                                   Il Bollettino lo ha scritto anche in altre occasioni: il Milan ha pochi giocatori con la “testa”. Romagnoli, Bakoyoko e Piatek, hanno grinta, doti tecniche e personalità. Ma tre da soli non bastano. Che non ci sia la “testa” lo si vede banalmente da come nel primo tempo in tanti hanno cercato il tiro da lontanissimo, per di più avendo davanti una muraglia umana e senza mai cercare una imbucata. Lo si vede dai cento cross sbagliati e da certi corner tirati a campanile…..                                                                                                                                                                                                                Per di più, oggi Gattuso dopo aver ribaltato la partita nel migliore dei modi, passando al 3421 mettendo un esterno offensivo come Castillejo (mossa premiata anche dal gol dello spagnolo), ha commesso un errore imperdonabile. E’ passato al 442, togliendo Calhanoglu per inserire Biglia. Un errore che ne contiene altri tre. Primo: invece di continuare ad andare all’attacco per chiudere la partita, ha pensato di tutelare il vantaggio minimo, dando un segnale sbagliato alla squadra (l’ha fatto anche altre volte), di grande insicurezza o da club provinciale. Secondo: se proprio devi difenderti, allora metti un terzino di ruolo come Calabria, tanto è vero che Borini riadattato ha commesso il fallo (inutile) da cui è nata la punizione decisiva. Terzo: non togli Calhanoglu che a centrocampo stava correndo tantissimo e per mettere Biglia che non è centrocampista che tiene palla e la nasconde. In altre parole: passato in vantaggio, non doveva toccare null, anzi insistere con il modulo che aveva messo in crisi il Parma. Al massimo, Calabria per Borini, ma solo perché era spremuto.                                                                                                                                                                                                              E’ chiaro che dopo il derby si è spenta la luce che aveva trascinato i rossoneri al terzo posto. Ed è preoccupante: con 5 punti nelle ultime sei partite è chiaro che non si va in Champions, a meno che le altre non vadano in testa coda. Fino a qui, le rivali hanno tutte reso meno dell’anno scorso ed è la ragione per cui anche stasera il Milan potrebbe ritrovarsi ancora quarto da solo. C’è ancora tempo e l’obiettivo è ancora a portata di mano: ma solo se il Milan giocherà con il piglio di chi sente che quel posto in Europa è suo. Altrimenti è meglio lasciare spazio ad altri e ricominciare da capo l’anno prossimo.