Pagelle - Fioccano le insufficienze. Si salvano Gigio, Tomori e Kessie

25.02.2021 23:10 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di PHOTOVIEWS
Pagelle - Fioccano le insufficienze. Si salvano Gigio, Tomori e Kessie

Queste le pagelle di Milan-Stella Rossa:

G. Donnarumma 6,5: paratona su Sanogo ad evitare qualcosa che sarebbe stato inaccettabile. Ma se è tra i migliori in campo, vuol dire che più di qualcosa non ha funzionato.

Calabria 6: la sua prova non è brillante come quelle degli ultimi mesi. Paga la pigrizia di Castillejo in fase di ripiegamento e l’inadeguatezza di Meite nella fase di raddoppio. (dal 66’ Theo Hernandez 6: una sola scorribanda delle sue).

Tomori 6,5: conferma le buone sensazioni che si sono avute, spesso, su di lui. Chiude bene Falcinelli, che infatti cerca gloria nella zona di Romagnoli, e ci mette almeno tre pezze sulle conclusioni serbe.

Romagnoli 5: in netto ritardo in occasione del gol del pareggio di Ben, dove gli lascia tutto lo spazio possibile per poter prendere la mira e trovare il diagonale che infila Donnarumma. È in un momento complicato, si vede e gli avversari giocano anche su questo.

Dalot 4,5: 20 milioni per il suo riscatto? Lo United ipervaluta il suo terzino. Prova senza anima del portoghese, che sbaglia qualunque cosa fin dall’approccio, sempre timoroso, alla partita. Non cambia la solfa spostandosi a destra.

Meite 4,5: semplicemente inadeguato ad una squadra e ad un palcoscenico del genere. Portato a scuola da Kanga, non azzecca un raddoppio, una copertura preventiva. In balia totale dei serbi.

Kessie 6,5: realizza il rigore del vantaggio ed è, tra quelli di movimento, il migliore in campo insieme a Tomori. Lotta anche per Meite, corre anche per Meite. In pratica fa il lavoro di due.

Castillejo 5: evanescente. Dovrebbe mangiarsi il prato quando entra in campo, invece viene mangiato dagli avversari che non gli fanno mai fare nulla. E lui non trova mezzo spunto degno di nota. (dal 66’ Saelemaekers 5,5: gli annullano un gol per fuorigioco di Ibrahimovic, ma il suo impatto è quasi nullo).

Calhanoglu 4,5: il covid lo ha ucciso fisicamente, ma sbagliare palloni basilari non è roba da lui. Pioli lo confina sulla laterale per Krunic e gli limita il raggio d’azione. Quando lo rimette al centro del villaggio, è spento e lento nella lettura delle situazioni.

Krunic 5: si procura il rigore, è vero, ma la sua partita finisce li. Una settimana fa sembrava un altro giocatore. Messo in freezer dopo il 45’. (dal 46’ Rebic 5: si mangia un gol clamoroso su assist di Ibrahimovic e poi si incaponisce con continui colpi di tacco che non trova i compagni).

Leao 4,5: gli si chiedeva di dare una mano alla squadra, lo fa solo nell’unica occasione in cui la Stella Rossa si sbilancia. Lascia il posto a Ibrahimovic nell’intervallo. (dal 46’ Ibrahimovic 6: almeno ci prova. Mette in porta Rebic, ma Ante si divora il gol. Pescato spesso in off-side, ma cerca di fare cose. Al contrario di altri).

All. Pioli 5: segnali ampiamente preoccupanti di un’involuzione tecnica e fisica della squadra. La sensazione è che qualcosa, dentro lo spogliatoio, si sia rotto e che sia di difficile restauro. Se questo è il Milan che affronterà il finale di stagione, c’è da essere molto preoccupati.