Pagelle - Ibra salva il Milan. Tonali cambia la partita. Bakayoko un disastro, ma non è il solo

11.12.2021 22:56 di Pietro Mazzara Twitter:    vedi letture
Pagelle - Ibra salva il Milan. Tonali cambia la partita. Bakayoko un disastro, ma non è il solo
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Queste le pagelle di Udinese-Milan:

Maignan 6: aveva vinto il duello con Beto, ma il rimpallo gli dice male così come non  gli è d’aiuto Tomori che non spazza bene. Poi, tutto sommato, non si deve sporcare i guanti per delle grandi parate.

Florenzi 5,5: una prova ampiamente sottotono. Non gli riesce un cross che sia uno, dà sempre la sensazione di non riuscire a fare ciò che vorrebbe al 100%. Prova a crossare tante volte, ma mai in maniera precisa.

Tomori 5,5: un doppio errore sul gol di Beto. Prima lo tiene in linea, poi non rinvia bene il pallone che il 9 bianconero mette alle spalle di Maignan. Cresce nella ripresa, ma qualche scricchiolio, anche a Udine, c’è stato.

Romagnoli 6: solido. In uno stadio in cui fa spesso delle buone prestazioni, anche questa sera ne mette in mostra una con poche sbavature. Arriva spesso sui palloni delle palle da fermo. Non vede una sponda comoda per Ibra nel primo tempo che poteva valere oro.

Theo Hernandez 5: prosegue il suo periodo negativo. Sbaglia tanto, è timido in fase di spinta e ha sempre quel brutto vizio di scoprire il pallone in maniera pericolosa. Il mood non sembra essere prossimo ad essere cambiato.

Bakayoko 4: una prestazione indecente. Sbaglia tutto quello che può sbagliare. Lento, impacciato, rallenta la manovra, perde il pallone in occasione del contropiede che apre la strada a Beto per il gol del vantaggio dell’Udinese. Onestamente, qualcuno ci deve delle spiegazioni. (dal 46’ Kessie 6: sicuramente meglio rispetto a Bakayoko. È decisivo nel finale quando evita che l’Udinese possa segnare il gol del 2-1 immolandosi a corpo morto).

Bennacer 4,5: completamente annebbiato. Da a Bakayoko una palla con un allevamento di conigli dentro. Poi ci si sarebbe aspettati una reazione di qualità da parte sua, che si inabissa fino al cambio. (dal 46’ Tonali 6,5: cambia completamente il modo di giocare della squadra. Ha personalità, voglia, determinazione e idee chiare. Perché non è partito titolare visto che il Napoli è tra otto giorni?)

Saelemaekers 5,5: è l’unico, nel primo tempo, ad attaccare la profondità. Ma quando arriva in zona calda, torna indietro. Anche nel secondo tempo non trova niente di rilevante nel suo armamentario. (dal 68’ Castillejo 6: entra per il forcing finale. Calcia diversi palloni in area di rigore, tra cui quello da cui nasce la sponda di Maldini, il rimpallo e il gol di Ibra).

Brahim Diaz 4: giocare sottopunta quando i tuoi compagni alzano, sistematicamente, la palla non è facile. Ha sui piedi le due occasioni migliori del Milan per calciare verso la porta di Silvestri, ma in entrambi i casi non becca la porta. Involuto e non è una bella notizia, per nessuno. (dall’81’ Maldini sv).

Krunic 5,5: messo la sull’esterno fa fatica. Lo cercano spesso con lanci alti e sballati. Si sbatte tanto, è innegabile, ma anche lui è parte della banda dell’horror del primo tempo. (dal 46’ Messias 6.5: doveva giocare dall’inizio, ma Pioli lo manda in panchina puntando su Krunic. Entra e cambia l’inerzia offensiva del Milan).

Ibrahimovic 6,5: salva il Milan dalla sconfitta con un gol in mezza rovesciata che ricorda quello che, lo scorso anno, diede la vittoria ai rossoneri. Isolato dal resto della squadra per gran parte della partita, riesce a fare meglio quando il pallone viene giocato a terra. Becao lo prende sul fisico, lui gli prende le misure e fa tante sponde che i compagni non leggono.

All. Pioli 5: il pareggio è un brodino rispetto all’interpretazione della partita da parte sua e della squadra. incomprensibile la scelta di Bakayoko accanto a Bennacer in mezzo al campo. Il francese è un danno e costa l’azione del vantaggio friulano. Perché Messias fuori dall’inizio per riproporre Krunic fuori ruolo? Ok la mancanza di alternative, ma stasera ha sbagliato anche lui.